“Resistente come l’acciaio e delicato come una tela di ragno”. Recitava così lo slogan vincente delle rivoluzionarie calze di nylon che, in poco più di anno, entusiasmarono le donne di tutte il mondo.

La storia ci riporta al 27 ottobre 1938, data della scoperta, commissionata al chimico Wallace Hume Carothers dall’industria DuPont, di una nuova fibra composta da un polimero di idrogeno, carbonio e nitrogeno.

Era il 15 maggio del 1940, dunque, quando le calze di nylon furono messe in vendita per la prima volta negli Stati Uniti d’America. Sostituivano con determinazione le pesanti calze di lana, le delicate e fragili calze di seta o le costosissime calze sintetiche.

La caratteristica di quelle firmate DuPont stava, infatti, oltre che nella varietà di colori, soprattutto nel prezzo, che era accessibile a tutti e rispecchiava perfettamente la natura del “prodotto di massa“. Solo durante il primo anno sul mercato, ne furono venduti ben 54 milioni di paia.

Ebbene, dopo oltre 70 anni, i collant di nylon regnano ancora incontrastati nell’universo femminile: nei decenni addietro hanno rappresentato l’emancipazione di intere generazioni e sono, ancora oggi, simbolo eccelso di seduzione e femminilità.

Continuano ad assolvere egregiamente il proprio compito, perché fanno parte di quegli indumenti femminili a cui proprio non si può rinunciare se si vuole prediligere il comfort unito alla moda, la funzionalità mischiata al glamour e alla femminilità.