Trovare lavoro oggi non sembra per nulla un’impresa facile. In tempi di crisi il lavoro appare come una sorta di utopia, un’astrazione, ma ci sono delle cose importanti da sapere per sentirsi sulla strada giusta. Chi offre un lavoro ha in mente perfettamente quali siano le capacità lavorative necessarie a ricoprire un certo ruolo vacante: non si tratta di elementi già inseriti nel curriculum vitae, ma di altre caratteristiche che possono essere esaminate durante il colloquio per esempio.

Una di queste capacità lavorative fondamentali per trovare lavoro è mostrare impegno anche quando il mestiere si fa faticoso. All’inizio si è tutti pronti a dire che si è entusiasti e non si vede l’ora di cominciare: ogni lavoro ha un rovescio della medaglia e naturalmente un datore di lavoro deve essere certo che l’aspirante riesca ad affrontare le situazioni più disparate con successo e senza sentire eccessivamente la fatica e il peso che la responsabilità porta inevitabilmente con sé.

Poi si deve raccontare nel modo corretto la propria storia lavorativa. Tutti sanno dire che hanno un etica del lavoro, si impegnano e bla bla bla: sono solo parole queste, di fronte a un possibile, sperato datore di lavoro sono i fatti che contano. Quindi, se non è un primo lavoro quello per cui si sta facendo il colloquio, è importante spiegare cosa si è fatto durante il precedente lavoro, le proprie mansioni e l’apporto che si è riuscite a dare all’interno della vecchia azienda.

Inoltre, durante un colloquio bisogna parlare come si mangia. Bando ai paroloni dunque, a meno che una proprietà di linguaggio non sia strettamente richiesta dal lavoro che si deve svolgere, ma farsi comprendere dagli altri è una qualità troppo spesso sottovalutata oggigiorno, che alcuni datori di lavoro la apprezzano invece oltre misura.

Infine, bisogna avere consapevolezza del proprio valore. Valore vuol dire anche una giusta retribuzione. Sì, siamo in tempi di crisi, e allora? Non è assolutamente una buona ragione per accettare un lavoro sottopagato. Certo, si può venire incontro al datore di lavoro, soprattutto se lo si conosce, ma non bisogna andare sotto un certo limite di retribuzione: si deve pur mangiare no?

Fonte: Monster.