Se una donna non vuole fare sesso non è colpa del mal di testa. Il significato di questo concetto è abbastanza ovvio, tanto che quella dell’emicrania è da sempre la scusa più usata dalle femminucce per declinare un invito sotto le lenzuola. La colpa, però, ricade in realtà su un fattore fisico: il sangue.

Sembra che dietro il no che molte donne dicono al partner che desidera fare l’amore ci sia ben altro, precisamente un problema del sangue femminile che, in alcuni casi, non è presente in quantità sufficiente creando scompensi anche a livello sessuale.

Galleria di immagini: Tristezza post sesso

Secondo gli studiosi della Wayne State University di Detroit, infatti, c’è una differenza a livello fisico tra le donne che hanno una libido molto attiva e quelle che, purtroppo per i compagni, hanno spesso poca voglia di avere rapporti intimi, causando non pochi problemi nella coppia.

Il motivo? In quest’ultima categoria di donne il sangue fa fatica a irrorare le cellule del cervello che gestiscono la libido, e di conseguenza l’appetito sessuale cala in modo evidente. Per arrivare a questa conclusione, che scagionerebbe molte esponenti del sesso debole dall’accusa di mentire spudoratamente e inventare le scuse più assurde pur di non fare l’amore, il dottor Michael Diamond e il suo team hanno analizzato il comportamento di un gruppo di 26 donne.

A queste è stato fatto visionare un film erotico, verificando attraverso una risonanza magnetica come reagiva il cervello a queste immagini. Si è potuto capire in questo modo che nelle donne con normali pulsioni sessuali l’afflusso di sangue era nella norma, mentre in quelle con poco desiderio la situazione è apparsa molto differente.

“Essere in grado di identificare i cambiamenti fisiologici, fornisce importanti prove che ci troviamo di fronte a un reale disturbo anziché un costrutto sociale”.

Queste le parole del direttore della ricerca, che sebbene possano sembrare rincuoranti per molte donne spesso inattive dal punto di vista sessuale, ci rivelano in realtà una difficoltà a livello fisiologico senza dubbio più difficile da correggere.