Barack Obama e Mitt Romney stanno vivendo gli ultimi momenti prima del verdetto degli elettori. Nel frattempo, spuntano i risultati di alcuni sondaggi di USA Today che sembrano essere particolarmente interessanti.

Barack Obama e Mitt Romney, secondo le prime survey sarebbero a testa a testa. Ma le donne sembrano preferire il presidente in carica. Non si tratta di donne “qualunque”, ma dell’elettorato femminile dei cosiddetti swing states, che attirano quasi tutta l’attenzione dei candidati.

Galleria di immagini: Barack Obama e Mitt Romney

Gli swing states non sono altro che gli stati indecisi, quelli che non sono mai di sicura tendenza democratica o repubblicana. In altre parole, sono quegli stati che, cambiando di volta in volta il loro voto, decidono le sorti delle elezioni.

Di grande interesse è sapere, quindi, che le swing women, cioè le donne indecise, ora voterebbero Obama. I punti a favore del presidente uscente sono il tema dell’aborto e la riforma sanitaria. Romney, infatti, ha affermato che, se eletto, abolirà la riforma sanitaria di Obama; inoltre, interromperà i finanziamenti a Planned Parenthood, un’associazione fondata nel 1939 che si propone di aiutare le donne nel gestire o prevenire gravidanze indesiderate, di seguirle nel corso di gestazioni psicologicamente, fisicamente e socialmente difficili, di assicurarsi la salute del bambino e un’alta qualità della vita del nascituro.

Per le swing women, quindi, il voto si giocherà tutto sulla gestione, sanitaria e sociale, del proprio corpo. Inoltre, cosa non indifferente e che di sicuro colpisce l’elettorato femminile, è la presenza costante al fianco di Obama di Hillary Clinton che, per il suo ruolo e la sua storia, sa attrarre milioni di donne.

Fonte: Forbes