Ammalarsi per i bambini è un evento del tutto naturale. Nessun allarmismo consigliano i pediatri. Tutti i genitori sanno che a cominciare dal primo giorno di nido i bambini sono a rischio virus. La convivenza con gli altri compagni e le nuove abitudini sono la prima causa delle malattie nella prima infanzia.

Ma le piccole influenze e i disturbi legati ai virus in agguato non solo non sono pericolose, ma possono rivelarsi positive perché permettono di rinforzare il sistema immunitario dei piccoli.

Galleria di immagini: malattie pedriatiche

Ad assicurarlo è la Società Italiana di Pediatria preventiva e sociale (SIPPS). Le infezioni che colpiscono i bambini e li costringono anche a lunghe convalescenze sembrano essere il dazio da pagare per poter contare in età adulta su un organismo sano e forte. Molto spesso si tratta di malattie passeggere, assolutamente non gravi, che colpiscono tutti i bambini in età scolare e prescolare. Insomma sono da considerarsi quasi come una vera e propria normale fase di crescita.

Sotto accusa anche l’abuso di medicinali da parte di genitori apprensivi. Soprattutto l’eccessiva somministrazione di antibiotici rischia di essere controproducente, in quanto tenderebbero con il tempo a diventare inefficaci.  Si calcola che almeno l’80% delle infezioni che colpiscono i bambini sono di origine virale per le quali le cure medicinali sono superflue. Meglio che la malattia faccia sempre il suo decorso e che si intervenga solo nei casi in cui è strettamente necessario.

Secondo il pediatra Leo Venturelli:

“In questo modo si ribadisce l’importanza di lasciare all’organismo del bambino e alla natura la risposta migliore alla malattia, garantendo un’alimentazione giusta, ricca in frutta e verdura, uno stile di vita attivo, prevalentemente all’aria aperta e non in ambienti chiusi anche al bambino convalescente, con l’obbligo di evitare la riammissione rapida in collettività dei nostri figli. Per questo servirebbe una tutela maggiore della famiglia, in particolare alla madre, nell’ambito della previdenza sociale”.

Insomma per i bambini ammalarsi è normale. La guarigione può e deve avvenire in maniera del tutto naturale.