Anche per questo Natale 2012 si moltiplicano le possibilità di trovare lavoro, almeno occasionali, soprattutto nel settore vendite e affini. Ma ci sono lavori e lavori: ecco i migliori e i peggiori che possano capitare nel periodo delle feste, comunque affrontabili in momenti di crisi economica.

Una delle professioni più richieste a dicembre in vista delle feste è quella di commesso. Centri commerciali, supermercati e grandi catene di distribuzione assumono più persone in questo periodo dell’anno, in cui nonostante la crisi il mercato si muove e un aumento delle vendite è assicurato. Lavoro garantito ancora di più è quello di promoter: che si tratti di promuovere cioccolatini, telefoni, profumi o qualsiasi altro prodotto che possa facilmente tramutarsi in regalo, in questo periodo dell’anno le offerte si moltiplicano.

=> SCOPRI lo speciale di DireDonna dedicato al Natale 2012

Altra attività in cui si cerca in questo periodo è il volontario: non pagato, ma se si vuole fare qualcosa per Natale indipendentemente dalla remunerazione questo è l’ideale. In questo periodo le associazioni e Ong fanno base fuori dai supermercati o per le strade dei centri storici per raccogliere fondi o cibo in scatola da spedire in Italia o all’estero.

La maggior parte dei lavori poi viene dal settore ristorazione: per tutto dicembre generalmente fino a gennaio le richieste di camerieri, cuochi e baristi hanno un’impennata notevole, e per chi cerchi un impiego sì impegnativo ma molto ben retribuito, e ovviamente ne abbia le caratteristiche, non c’è niente di meglio.

=> LEGGI quali sono i lavori più ricercati per il Natale 2012

Tra i lavori peggiori c’è l’addetto alla rimozione della neve, utile evidentemente nelle località montane o al nord, a contatto con i responsabili della pulizia stradale. Si tratta di un impiego generalmente non vincolato ai mesi invernali, e tra l’altro non è ampia la domanda. Perciò a meno di non creare una propria attività esclusivamente durante i periodi di neve alta, è piuttosto difficile.

Per chi vive nei pressi di un aeroporto, le possibilità di essere assunto in questo periodo sono molto alte. Con l’afflusso di viaggiatori tendenzialmente in aumento per le feste, è facile che si cerchino addetti a pulizie o ristorazione, ma bisogna dire che si tratta di impieghi spesso sotto-pagati, con orari di lavoro improbabili e in un clima non proprio sereno. Ma tentar non nuoce.

Fonte: CareerCast