Quando si punta alla tanto agognata promozione, con conseguente aumento dello stipendio, si è spinti a commettere qualsiasi atto. Così facendo si perde il lume della ragione e non si comprende che quella determinata azione può costare cara. Innanzitutto se si è consapevoli che il lavoro viene svolto al meglio, il consiglio è di non indugiare troppo con il proprio capo: lo sbaglio risiede nel far trascorrere molto tempo prima di parlare apertamente e anche nello scegliere il momento peggiore.

Altra pessima strategia è quella di chiedere una promozione facendo la figura dell’imbranato, non riuscendo a intavolare un discorso sensato, motivandolo con argomenti poco convincenti. Le motivazioni devono essere serie e non banali scuse: elencare i benefici apportati all’azienda con il proprio lavoro rientra tra le giuste giustificazioni.

>> Scopri il segreto per ottenere un aumento di stipendio

A tal proposito è sbagliato anche essere impreparati sull’eventuale giusta somma da richiedere, non sapere qual è la paga esatta per chi svolge il vostro stesso lavoro può portare a chiedere una cifra eccessiva, paragonabile alla busta paga di chi ricopre ruoli di un certo rilievo.

Un comportamento di questo tipo vi metterebbe in cattiva luce e potrebbe portare conseguenze negative nella vita lavorativa. Attenzione anche a come ci si pone: assumere un tono autoritario nel dichiarare espressamente la volontà di licenziarsi nel momento in cui non si ottiene l’aumento conduce verso due strade. La prima, positiva, consiste nel raggiungere lo scopo e quindi ottenere la promozione, mentre la seconda è quella negativa: il capoufficio vi considererebbe un dipendente presuntuoso e sarebbe l’occasione più adatta per liberarsi di voi.

Altro comportamento da non adottare quando si sente il bisogno di chiedere uno stipendio migliore è quello di fare paragoni tra voi e altri dipendenti. Confrontarsi espressamente con gli altri colleghi espone voi e il vostro operato a continue critiche e un minimo sbaglio può essere pagato a caro prezzo.

Non addentratevi neanche in discorsi sullo stato finanziario poco florido nel quale versa l’azienda; sono argomentazioni che a voi non interessano e inoltre irritano il capo. Ultima pessima strategia da non adottare è quella di recarsi dal direttore ed esprimere la propria esigenza con rabbia. Mantenete la calma ed esponete i fatti serenamente.

Fonte: BrazenCareerist