Le regole sull’uso del tablet da parte dei bambini: il mondo corre sempre più velocemente e una delle grandi innovazioni è la tecnologia, che coinvolge ormai quotidianamente tutti, anche i bambini. Affinché, però, il rapporto uomo-macchina sia sano, è necessario fissare dei paletti.

Secondo un recente sondaggio ripreso dal Time, infatti, il 36% dei bambini al di sotto di un anno ha già avuto a che fare con uno smartphone: del resto, tra i genitori intervistati, il 97% ha dichiarato di possedere una TV, l’83% ha un tablet e il 77% uno smartphone.

Ecco, dunque, per una corretta educazione che comprenda anche quella alla tecnologia, le regole sull’uso del tablet da parte dei bambini.

  • Stabilire una routine: tra le regole sull’uso del tablet da parte dei bambini non può non esserci quella di integrare la tecnologia nella quotidianità dei bambini gradualmente e, soprattutto, in maniera limitata. Infatti, è importante che il bambino capisca quali siano i momenti in cui si può e quelli in cui non si può interagire con il tablet, indipendentemente da quanti capricci faccia.
  • Non interrompere la comunicazione: dare a un bambino un dispositivo tecnologico non significa interrompere la comunicazione con lui. Infatti, è importante interagire con il bimbo anche mentre ha il tablet in mano, affinché egli non perda mai di vista la dimensione reale nella quale vive, escludendosi dal resto del mondo. In questo modo si eviterà che cresca con l’abitudine di escludere le persone qualora si trovasse con il tablet tra le mani.
  • Far sì che vi sia condivisione: affinché la tecnologia non sia sinonimo di esclusione, tra le regole sull’uso del tablet da parte dei bambini, vi è quella di rendere interattivo e condiviso il momento del gioco. Questo affinché, qualora si presentassero situazioni in compagnia di altri bambini, il proprio figlio non si escluda, ma anzi cerchi di coinvolgere più persone nel gioco. Insomma, i tablet prendono il posto dei giochi da tavola che si facevano tutti insieme.
  • Chiarire gli obiettivi della tecnologia: il tablet, in questo caso, deve avere degli obiettivi chiari. Dall’informazione all’insegnamento, il bambino deve avere chiaro il motivo per cui esiste quel dispositivo. In questo modo si eviterà di perdere il controllo sulle APP o sull’intelletto del proprio bambino.
  • Controllare: affidare il tablet al proprio bambino non significa aver trovato un modo per liberarsene per qualche minuto o per interrompere i capricci. Il momento di contatto tra bimbo e tecnologia deve essere sempre controllato, soprattutto per insegnare ai propri figli il modo di giocare.