La cucina spagnola abbraccia alcune tra le ricette internazionali più amate e più diffuse. Dalla classica paella, ai piatti tipici della terra catalana, la Spagna ha regalato alcune tra le pietanze più buone del globo.

Il segreto del successo della cucina spagnola è, probabilmente, l’abile uso dei prodotti ittici e della carne, talvolta anche mescolati tra di loro. Nelle regioni costiere, i piatti a base di pesce sono particolarmente raffinati e gustosi, anche quando appaiono semplici.

=> Leggi le ricette internazionali più gustose in assoluto

La paella è forse l’emblema della penisola iberica, il piatto con cui spesso identifichiamo la Spagna. La classica paella valenciana non prevede l’uso del pesce. Al suo interno, troviamo invece coniglio e pollo, che andranno subito rosolati in padella con un po’ d’olio. Successivamente si aggiungono le prime verdure, cioè fagiolini e carciofi, e le si fa rosolare. Quando queste saranno al punto giusto, si aggiungono pomodoro e peperone, poi l’acqua e infine il riso, che va mantecato fino a che non sarà pronto.

L’altra variante della paella, invece, prevede l’incontro della carne di maiale e del pesce. Nella padella vanno dapprima fatti rosolare pollo, maiale e calamari. Poi si aggiungono cipolla e carciofi e li si fa saltare per bene. Dopodiché si aggiungono i pomodori e un cucchiaio di brodo e, quando si sarà ben amalgamato il tutto, piselli, riso, peperoni e altro brodo. In una pentolina a parte, si devono far soffriggere i gamberoni, che dovranno essere aggiunti al resto. Solo alla fine si mescolano insieme a tutti gli ingredienti salsicce e cozze. Come ultimo passaggio, la padella va messa in forno per far asciugare bene il tutto.

L’orata con verdure al forno è un piatto leggero e semplice. Il pesce deve essere dapprima pulito e squamato. Dopodiché, si deve insaporire con sale, pepe ed erbe aromatiche tritate, che andranno poste sia dentro il pesce che fuori, strofinandole contro la pelle. In una teglia da forno coperta con carta specifica, bisogna adagiare uno strato di patate tagliate a rotelle, uno strato di cipolle sempre tagliate a rotelle, gli spinaci, l’aglio e, infine, l’orata. Si condisce tutto con un filo d’olio e si inforna. Finito il primo tempo di cottura, si sforna il pesce, lo si cosparge di vino bianco e pomodori tagliati a dadini e lo si rimette in forno per altri dieci minuti.

Infine, per dolce, come rinunciare a una gustosissima crema catalana? Occorre sciogliere la maizena con un po’ di latte; a parte, bisogna mettere altro latte in una casseruola assieme alla buccia grattugiata del limone, un po’ di zucchero e cannella: il tutto va portato a ebollizione. A parte si montano le uova con l’altra parte dello zucchero, composto che poi si dovrà unire al latte e alla maizena. Tutto il composto andrà poi portato a ebollizione su un tegame fino a che non diverrà una bella crema corposa. Il finale è d’obbligo: occorre far caramellare lo zucchero di canna sulla superficie con una piccola fiamma ossidrica o con il grill.