Quali sono le scuole migliori? Il dilemma tra istituti pubblici e privati coinvolge molti genitori ogni anno, e non mancano i pro e i contro in entrambi i casi, ma oggi arriva una ricerca condotta dalla Fondazione Agnelli che indaga sulle scuole più virtuose.

Uno studio che la Fondazione torinese ha effettuato non solo sugli istituti del Piemonte, ma che per la prima volta quest’anno ha monitorato anche la situazione in Emilia Romagna, Calabria e Lombardia. Un’indagine a vasto raggio che ha messo in evidenza come le scuole più apprezzate e ritenute più valide siano quelle statali e collocate in provincia, le stesse nelle quali non solo gli studenti ottengono risultati migliori, ma che preparano meglio al percorso di studi futuro.

La ricerca ha coinvolto oltre 145 mila studenti tra Lombardia, Emilia Romagna, Calabria e Piemonte, tutti provenienti dalle scuole secondarie superiori e in relazione agli anni 2007/2008 e 2008/2009. Il risultato è una vasta panoramica sugli istituti scolastici italiani che illustra come la scuola pubblica detenga ancora la maggioranza dei consensi, e come anche nelle provincie i ragazzi siano ben seguiti e preparati per la scelta dell’Università.

Ma l’indagine della Fondazione Agnelli ci mostra anche un altro aspetto interessante, che riguarda l’eterna lotta tra i licei e gli istituti tecnici, concepiti come più adatti per chi desidera trovare lavoro subito dopo il diploma senza passare per l’Università: lo studio dimostra, infatti, come la formazione offerta dagli istituti tecnici non sia di qualità inferiore rispetto ai percorsi didattici che caratterizzano l’ambiente liceale.

Un esempio per tutti: nella top ten delle scuole migliori non compare nessuno dei celebri licei milanesi (Parini e Manzoni), superati di gran lunga dall’istituto tecnico commerciale paritario di Desio “Paola di Rosa”.

Fonte: La Stampa