Dal momento in cui la piccola Charlotte è venuta al mondo era risaputo che la secondogenita di Kate Middleton e William avrebbe avuto qualcosa che la unisse con la scomparsa ma mai dimenticata Lady Diana.

Definita dal Duca di Cambridge come una “piccola gioia del paradiso”, la sorellina del principe George, infatti, ha molto più in comune con Diana di quanto si potrebbe immaginare: i Duchi di Cambridge, infatti, stanno crescendo la loro famiglia nella contea di Norfolk dove Diana ha passato parte della sua vita essendo nata a Sandringham. Oltre a portare il suo nome dopo quello della Regina Elisabetta – il suo nome completo è Charlotte Elizabeth Diana -, la piccola principessa è stata battezzata nella stessa chiesa scelta dai genitori di Lady D per il suo Battesimo nel 1961, sempre nella cittadina.

La principessa Diana in una foto del battesimo avvenuto nel 1961

La principessa Diana in una foto del battesimo avvenuto nel 1961

Ma i particolari che uniscono la principessa Charlotte a Diana non sono finiti qui: per la stessa cerimonia è stato ingaggiato uno dei fotografi preferiti dalla stessa Diana, Mario Testino, e lo stesso vale per la madrina e il padrino. La prima, infatti, sarebbe la nipote di Diana, Laura Fellowes, mentre il padrino sarebbe un amico stretto di William, Tom van Straubenzee, il quale proviene da una famiglia che ha avuto legami di lunga data con la famiglia degli Spencer.

Nessun altro reale l’aveva mai reso così noto” ha dichiarato al magazine People l’ex guardia del corpo di Diana, Ken Wharfe, “Avrebbero potuto scegliere la cappella di St. George nel castello di Windsor ma William ci tiene a mantenere viva la leggenda (della madre). Ci sono più riferimenti a Diana di quanti ce ne siano mai stati. Se preferite questa è un riferimento ‘silenzioso’.

Sandringham non è solo un posto appartenente ai reali ma uno in cui Spencer (Lady D) ha passato molto tempo” ha dichiarato un amico di famiglia al magazine. Difatti, continua Wharfe “la sua infanzia lì era felice” se bene la casa in cui viveva dopo il matrimonio “non era il suo posto preferito per via della sua infelicità con il Principe Carlo. Ma riusciva sempre a tirare fuori i momenti divertenti avuti a Park House, raccontava ai bambini e a noi i bei momenti che ha passato”.

Fortunatamente qualcuno di loro ha pensato ‘qui è dove la mamma è cresciuta’. Ha amato Sandringham, l’ha amata perché poteva muoversi, non era come Balmoral in Scozia.” Ha dichiarato lo chef reale Darren McGrady  “Poteva allontanarsi nel pomeriggio e andare nelle spiagge per camminare con il suo cappello in testa con la visiera abbassata sul volto. Questa era la sua fuga, con il vento che le soffiava sul volto. Adorava essere vicino alla spiaggia” per concludere “William, Kate e il Principe Harry vedono il buono che c’è in lei. Capiscono come la loro madre fosse importante e influente” e pensano che questo continuerà perché “dopo un periodo in cui la sua memoria è rimasta nel caos stanno coscientemente – o incoscientemente – cercando di includerla nuovamente”.