Durante la sua ultima e a tratti criptica conferenza stampa, Lele Mora non ha parlato solo del processo che lo vede imputato a Milano per prostituzione minorile, ma ne ha avuto anche per il suo ambiente, quello delle star, che l’hanno abbandonato. La prima, e più famosa, è Simona Ventura, contro la quale va giù duro.

L’argomentazione dell’ex agente della Ventura è semplice: in questi ultimi mesi, quella che sembrava essere il re Mida della televisione pubblica, capace di grandi record con “X-Factor“, con “l’Isola dei Famosi” e con “Quelli che il calcio“, sta perdendo appeal, ma soprattutto contratti.

Galleria di immagini: La conduttrice Simona Ventura

Nella sequela di cattive notizie per la prossima programmazione Rai, tra la perdita di X-Factor a favore di SKY e i rumors sulla fine de “L’Isola dei famosi”, Lele Mora ricorda che a giugno scade il suo contratto e per ora c’è solo un vago impegno per Mediaset.

“Ho creato Simona dal niente, c’ho creduto, e per tanti anni l’ho fatta stare sull’altare […]. Se per 14 anni gestisci una persona facendole credere che lei è la più brava, ma dopo si dimostra che finché c’ero io i suoi ascolti erano grande successo, poi non ci sono più io e si legge che forse le tolgono il contratto… da cosa dipende allora?

Lele Mora però non si è fermato qui. Ha aggiunto un commento sibillino sull’esito del “L’Isola dei famosi”, con la vittoria di Giorgia Palmas:

“Un mese e mezzo fa ho dichiarato i tre nomi dei vincitori: forse sono troppo preveggente, o forse conosco troppo i meccanismi. Per una che non s’è mai fatta notare sull’Isola, bisogna magari andare a vedere di quale agenzia è Simona Ventura e di quale agenzia è questa signorina che ha vinto.”

Parole fortissime, che mettono in dubbio la regolarità della trasmissione. Un gesto disperato di chi sente tradito? Oppure Mora conosce dei retroscena e parla a nuora perché suocera intenda? Sicuramente questo attacco frontale dell’ex agente numero uno in Italia, che ha dichiarato fallimento, e la regina dell’Auditel lascerà degli strascichi.