C’è chi le adora, chi ne ha fatto il suo tratto distintivo e chi farebbe di tutto per nasconderle: le lentiggini da sempre provocano diverse reazioni non solo in chi le possiede. Sono provocate da un accumulo di pigmentazione della pelle che si concentra in piccole macchie diverse per dimensione e colore. Solitamente, sono distribuite in modo disomogeneo su tutto il viso, ma tendono a concentrarsi intorno al naso e sugli zigomi.

Certo è che negli ultimi tempi sono arrivate alla ribalta, sia grazie alle nuove tendenze make up che tendono a inserirle in armonia con il resto del viso (e c’è chi ne disegna appositamente qualcuna per regalare un senso di freschezza al viso) sia grazie al lavoro di Brock Elbank, fotografo britannico che ha raccontato in Freckles le loro mille sfaccettature.

Il trucco può essere un alleato potente non solo quando si vogliono nascondere i difetti ma soprattutto quando si decide di sottolineare i punti di forza come possono essere le lentiggini: vediamo come fare.

  • È essenziale creare una base leggera. Il fondotinta minerale uniforma l’incarnato senza coprire eccessivamente e permette anche nel periodo estivo di ottenere una base a prova di lucidità.
  • Il blush va scelto in color mattone o corallo, due tinte che danno un aspetto sano ma senza diventare protagonista del make up, illuminando la zona dove le lentiggini solitamente si presentano in maggior numero.
  • La matita per gli occhi nera o testa di moro evidenzia al meglio l’incarnato chiaro e di chi ha le lentiggini, di solito accompagnato da occhi verdi, nocciola o azzurri.
  • Il rossetto dovrebbe essere arancio, ruggine, terracotta o ciliegia, colori importanti ma dalla base cromatica quanto più possibile naturale.
  • Chi volesse realizzare le lentiggini deve disegnare (senza esagerare) tanti puntini su naso e guance con una matita marrone o color ruggine ben appuntita. Il tutto è da fissare poi con una spolverata di cipria.
  • Per coloro che desiderano toglierle? Se proprio non piacciono, basta usare un fondotinta sheer su tutto il viso in grado di illuminare l’incarnato, ma al contempo minimizzare e nascondere le imperfezioni.