Conoscere i libri da leggere al bambino in gravidanza durante i mesi d’attesa è importante, in quanto leggere al pancione è una buona abitudine.

La lettura ad alta voce infatti consente alla mamma di esercitare una prima, dolcissima forma di contatto con il suo piccolo che in questo modo può imparare a riconoscere la sua voce.

Nell’ultimo trimestre di gravidanza, infatti, il bambino ha ormai completamente sviluppato il senso dell’udito ed è in grado di distinguere le voci a lui famigliari, in particolare modo quelle di mamma e papà. Non solo, molti studi a riguardo hanno rivelato che i neonati sono in grado di riconoscere suoni, melodie e filastrocche ascoltate quando ancora erano nel pancione, durante le ultime settimane di gestazione.

Ritagliarsi dunque qualche minuto al giorno da dedicare alla lettura al pancione può essere per la mamma un modo per gettare le basi del suo rapporto con il bimbo ma anche per rilassarsi e godersi una pausa dai ritmi di sempre, specie quando il peso del pancione comincia a farsi sentire.

Una volta nato il piccolo, poi, si potrà portare avanti quest’abitudine: leggere ad alta voce ai bambini, infatti, è uno dei gesti fondamentali non solo per rafforzare il legame con loro ma anche per favorirne lo sviluppo.

Detto questo, su quali letture è meglio puntare? Cosa si può leggere al pancione? Ecco degli spunti.

  • Filastrocche. Tra i testi preferiti dai bambini ci sono sempre le filastrocche che rappresentano anche una lettura perfetta da fare al pancione. Si tratta infatti quasi sempre di testi semplici, con un ritmo allegro dato dalle rime e dalle assonanze e per questo capace di stimolare anche l’udito dei più piccoli. Un libro su tutti? “Filastrocche per tutto l’anno” del grande Gianni Rodari.
  • Ninne nanne. Anche le ninne nanne svolgono un ruolo fondamentale per i bambini poiché li aiutano a rilassarsi attraverso dolci melodie che precedono il momento del sonno. Abituare il piccolo a qualche ninna nanna particolare, quando ancora è nel pancione, dunque, è anche un modo intelligente per cominciare ad abituarlo a un dolce rituale per il momento della nanna. Inoltre le ninne nanne possono essere lette ad alta voce come semplici filastrocche ma anche cantate, così da cullare il piccolo con una soave melodia. Il libro giusto? “Ninne nanne e filastrocche della tradizione italiana” di Red Edizioni, che raccoglie tutti i testi più adatti ai bimbi e tra cui spuntano anche divertenti scioglilingua. Il libro è accompagnato anche da un cd audio, utilissimo per i primi anni di vita del piccolo.
  • Favole. Anche le favole naturalmente sono un testo perfetto da leggere al pancione e poi al bimbo, una volta nato. L’ideale è puntare su testi bevi e semplici come quelli delle classiche favole di Esopo, impersonate dagli animali. Il libro giusto è allora “Favole di Esopo per i più piccini” edito da Usborne: una raccolta delle favole più famose dell’autore adattate però alle orecchie dei più piccoli.