Tra i regali di Natale non possono mancare i classici libri di cucina, tomi colmi di ricette dei più grandi chef stellati che dispensano utili consigli su come realizzare al meglio i propri piatti. A tal proposito, Coldiretti Lombardia ha effettuato un’indagine dalla quale è emerso che 1 italiano su 10 legge manuali sul cibo. Con una crescita del 70% in più dal 2008 ad oggi e con un aumento delle copie stampate da 2 milioni e mezzo alle attuali 4 milioni e 200 mila, i libri di ricette sembrano battere ogni record sui bancali delle librerie.

Ettore Prandini, Presidente di Coldiretti Lombardia, ha spiegato che “in libreria, al supermercato oppure on line si trovano testi che parlano di alimentazione: dai saggi di storia ai manuali con le ultime ricette dei grandi cuochi. E’ una moda legata a trasmissioni televisive, ma è anche il segnale di una progressiva riscoperta del cibo come valore economico, sociale e culturale. E’ cresciuta l’attenzione su origine e qualità”. Oltre 1 milione di italiani partecipa inoltre a community che riguardano la preparazione del cibo, mentre 25 milioni si informano sui libri o in televisione. Secondo Coldiretti, i libri sono diventati a tutti gli effetti parte integrante di una piattaforma di prodotti informativi che ruota attorno al tema dell’alimentazione.

Nell’ultimo rapporto sulla lettura in Italia, l’Istat ha evidenziato che si legge più al nord che al sud e in Friuli, Trentino, Veneto, Emilia Romagna e Lombardia oltre il 30% delle famiglie possiede più di 100 libri a discapito del 12% della Campania e della Sicilia. D’altronde, come spiega lo stesso Prandini, “l’immagine dell’Italia è da sempre legata al binomio cibo e territorio, una chiave di lettura che si ritrova sempre più spesso nei libri che parlano di cucina non solo come tecnica di preparazione di ricette, ma come stile di vita, percorso professionale e filosofia di pensiero, dimostrando che il cibo non può essere ridotto a semplice merce ma è parte del nostro modo di interpretare il mondo e la realtà che ci circonda”.

Foto: Port of San Diego via photopin cc