L’articolo 8 della nuova Manovra Finanziaria sta mettendo sotto pressione i lavoratori: il termine “licenziamento facile“, infatti, spaventa non poco i dipendenti delle aziende che non conoscono esattamente il funzionamento del decreto legge. In cosa consiste esattamente il “terribile” articolo 8?

Galleria di immagini: Sciopero CGIL

Il decreto legge ha introdotto la possibilità, in caso di contratti aziendali e territoriali, di agire in deroga alle leggi ordinarie e ai regolamenti contenuti nel Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro. Essendo la deroga un potente strumento per particolarizzare l’applicazione delle leggi troppo generali in casi specifici, i lavoratori temono la possibilità di licenziamenti senza giusta causa, totalmente vietati nell’articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori.

Si potrà operare in deroga alle suddette leggi solo in casi eccezionali: saranno i tre sindacati principali, CGIL, CISL e UIL, a sottoscrivere le deroghe che saranno successivamente esaminate dalla Rappresentanza Sindacale Unitaria e votate dagli stessi lavoratori. In altre parole, senza la maggioranza di tutti i votanti l’iter per la deroga verrà spezzato.

Secondo Andrea Tomat, presidente di Confindustria Veneto, l’articolo 8 della nuova Manovra Finanziaria darebbe la possibilità di rafforzare la contrattazione tra lavoratore e imprenditore, dando maggiore stabilità e flessibilità ai contratti di lavoro:

“L’articolo 8 è un riconoscimento forte del ruolo della contrattazione con finalità, che per prime, saranno oggetto d’intesa fra le parti”

Per contro, Susanna Camusso di CGIL fa valere le proprie ragioni, quelle del sindacato e di tutti i lavoratori giustificando lo sciopero programmato per martedì prossimo:

“Le modifiche della maggioranza di governo all’articolo 8 indicano la volontà di annullare il contratto collettivo nazionale di lavoro e di cancellare lo Statuto dei lavoratori, e non solo l’articolo 18, in violazione dell’articolo 39 della Costituzione e di tutti i principi di uguaglianza sul lavoro che la Costituzione stessa richiama.”

Fonte: Pmi.it