Anche la cosa apparentemente più semplice, come un segnalibro, può riservare un’evoluzione tecnologica inaspettata. Fino a ora i segnalibri sono stati utilizzati esclusivamente per marcare la pagina alla quale si è giunti con la lettura e per ritrovarne velocemente il segno la prossima volta che si sarebbe preso in mano lo stesso libro. E se potessimo fare molto di più?

Immaginate di poter utilizzare il vostro segnalibro come una piccola lampada da comodino… come fare? Semplice, basta acquistare lightleafs.

Anche se non è noto il funzionamento di questo prodotto, né tanto meno come sia stato realizzato dalla designer Valentina Trimani, si tratta di un piccolo dispositivo poco più spesso di un cartoncino con il quale poter illuminare le pagine del vostro libro mentre leggete, magari in viaggio, o semplicemente la sera prima di addormentarvi.

Sarà possibile regolare l’intensità dell’illuminazione e disporlo in modalità di luce “privata” o “condivisa”, l’ideale per studiare con degli amici in condizioni di scarsa luminosità. Non è tutto, sarà anche possibile ricaricarlo via wireless, senza quindi bisogno di cavi che intralcerebbero la vostra lettura.

Nessuna informazione neanche sul prezzo e su una possibile commercializzazione, ma immaginiamo che potrebbe essere un prodotto davvero molto gradito da tutti i divoratori di libri.