Ancora problemi con la giustizia per Lindsay Lohan. L’attrice è infatti stata condannata a 120 giorni di prigione per aver violato la libertà condizionale, tuttavia la sentenza non le è nemmeno stata del tutto sfavorevole, visto che rischiava fino a un anno dietro le sbarre per presunto furto di una collana da 2.500 dollari.

La Lohan ha passato cinque ore in custodia al Los Angeles County’s Lynwood Correctional Facility, prima di essere rilasciata nella serata di venerdì dietro il pagamento di una cauzione da $ 75.000. La sentenza del giudice nei suoi confronti è stata comunque di quattro mesi in prigione per violazione della libertà condizionale.

Galleria di immagini: Lindsay Lohan in tribunale

L’attrice era però anche accusata di furto di una collana in un negozio di Venice in California, che però è stato declassato a reato minore; una piccola vittoria per la Lohan che rischiava una condanna ancora più pesante. Il giudice Stephanie Sautner ha quindi voluto dare un’altra opportunità alla giovane attrice, giudicando il furto un incidente, ma ha comunque disposto nei suoi confronti oltre al periodo di detenzione anche 480 ore di lavori socialmente utili.

Il giudice ha inoltre indicato all’attrice di passare 360 di queste ore in un centro femminile di Los Angeles, in modo che possa vedere la situazione di donne che si trovano davvero in difficoltà e poterne avere una lezione di vita. La prossima udienza in tribunale adesso è fissata per il prossimo 11 maggio. Chissà se dopo questa sentenza Lindsay metterà davvero la testa a posto.