“Quando è troppo è troppo”. Queste sono le testuali parole di Lindsay Lohan, stanca di difendersi da accuse infondate e soprattutto lesive per la sua carriera di attrice. Intervistata su Star Magazine, infatti, LiLo è apparsa esasperata e ha manifestato tutto il suo astio nei confronti del mondo dell’informazione, colpevole di strumentalizzare qualsiasi episodio della sua vita privata.

Le persone dovrebbero lasciarmi sola e lasciarmi vivere. Non ho toccato nulla di alcolico o simili. Le bugie che vengono dette su di me stanno danneggiando la mia carriera.

Come si legge sul sito ImNotObsessed, qualcuno vicino alla Lohan sostiene invece che per la giovane rimanere sobria sia una fatica enorme, soprattutto considerando la vita che conduce perennemente disseminata di festini e serate movimentate.

Gli ultimissimi sviluppi della faccenda “cavigliera anti-alcol” sembrano però contraddire questa teoria e dare ragione alla protagonista di “Mean Girls”. People ha infatti reso noti gli esiti del test effettuato la famosa sera del 7 giugno, dopo l’improvvisa e inspiegata attivazione del dispositivo, dai quali risulta che Lindsay non aveva bevuto alcolici.

La portavoce dell’attrice Shawn Chapman Holley taglia corto, lasciando ancora avvolta nel mistero la vera causa che ha provocato il falso allarme, secondo la madre della Lohan una bevanda rovesciata sulla gamba. Intanto permane una multa salatissima di 200.000 dollari…

Un po’ più serena, anche se sempre controllata a vista, Lindsay può dedicarsi al suo nuovo impegno che la vede recitare nei panni della pornostar Linda Lovelace nel film “Inferno“, diretto da Matthew B. Wilder.

Ecco Lilo ripresa durante un pomeriggio di shopping in alcune foto online su ImNotObsessed e Starpulse.