Lindsay Lohan è stata bandita dallo Chateau Marmont, il lussuoso albergo californiano dove ha trascorso le vacanze estive. La notizia è rimbalzata da TMZ all’Huffington Post, che ha provveduto a contattare il portavoce dell’attrice Steve Honig, trinceratosi in uno stranissimo “no comment”.

Galleria di immagini: Lindsay Lohan per Playboy

In realtà, non è la sola stranezza in questa storia, perché pare che qualche membro dell’entourage dell’albergo abbia fatto trapelare la notizia, tanto che i dirigenti se ne sono sentiti piccati. In particolare perché viene leso in ogni caso il rapporto di fiducia con un cliente, in questo caso Lindsay Lohan, che per quanto insolvente, probabilmente potrebbe risolvere la faccenda.

Che comunque non ammonta a piccolezze: a Lindsay Lohan, per 47 giorni di soggiorno, sono stati addebitati 46.350 dollari, tra cui 686 in sigarette e oltre 3.000 per l’utilizzo del minibar. Delle cifre che, anche per la fama dell’attrice, appaiono leggermente ritoccate. Inoltre è emersa anche la corrispondenza privata tra l’albergo e la cantante mettendo in cattiva luce la struttura ricettiva.

La Lohan comunque ha parlato della faccenda con gli amici, giustificandosi che si è trattato di un malinteso: LiLo ha dichiarato infatti che credeva che il conto sarebbe stato pagato dai produttori del suo ultimo film Liz & Dick, un biopic sulla vita di Elizabeth Taylor, con un focus particolare sulla travagliata relazione con Richard Burton.

Fonte: Huffington Post.