Lindsay Lohan è uscita ieri sera dalla clinica di disintossicazione e, dalle foto, sembra molto serena mentre sorride ai fotografi. Però il regista di “Inferno” ha iniziato a cercare un rimpiazzo. Che il sorriso di Lindsay sia destinato a durar poco?

A distanza di nemmeno un mese dall’ingresso in rehab, Lindsay sta acquistando sempre più fiducia in se stessa, e gli operatori che la seguono sono sicuri di lei. Tanto da farla uscire, mandarla persino a casa sua per un giorno e lasciarla andare a cena fuori con amici.

Non si capisce perché, quindi, il regista di “Inferno” abbia deciso proprio adesso di preparare un piano B. Forse perché quando Lindsay è tornata a Los Angeles lo scorso weekend, non è andata a trovarlo. E così è lo stesso Matthew Wilder a dichiarare:

Non abbiamo visto Lindsay Lohan nel weekend. Siamo passati sopra molte cose per questo progetto e anche se lei è sempre la nostra prima scelta, abbiamo un piano B in caso non possa girare Inferno. E effettivamente abbiamo ricevuto una grande risposta da altre persone che vogliono davvero la parte.

Un commento apparentemente polemico nei confronti della 24enne star, ma il regista addolcisce la pillola:

Aspetteremo finché Lindsay non avrà completato il tempo in rehab e gli obblighi del tribunale e vedremo se potrà prendere la sua parte come avevamo programmato all’inizio.

Se va avanti così, non dovrebbero esserci problemi, ma con Lindsay non si può mai sapere.