Corsetti, reggiseni, slip e guaine: la {#lingerie}, simbolo inconfondibile di fascino e seduzione, è in mostra a Parigi dal 26 luglio all’Espace Pierre Cardin per la gioia di tutte le amanti, e perché no anche degli amanti, del lato più sensuale della {#moda}. Dai capi che hanno fatto la storia fino alle ultime novità, nello spazio allestito per l’occasione sono stati raccolti circa 260 indumenti che ne ripercorrono le tappe più importanti a partire dal lontano 1880.

Proprio alla fine del 19° secolo risale il corsetto più antico presente alla mostra, uno tra i primi a essere realizzati nel più pratico tessuto elastico, segnando un grande passo per l’indumento che da qualche tempo sta recuperando terreno dopo anni nel dimenticatoio, che fino a quel momento era prodotto esclusivamente in materiali rigidi e poco confortevoli. {#Pizzo} e Lycra trionfano tra la lingerie in esposizione, riproposti in reggiseni e slip, fino alla guainé, vero e proprio indumento contenitivo in grado di contenere e modellare le forme voluttuose della silhouette femminile.

Dall’intimo pudico e rigoroso del passato, il salto alla modernità è breve: lingerie ammiccante e provocante caratterizzata dalla scelta di Lycra e Nylon, perfetta per strizzare il corpo a regola d’arte, impreziosita da pizzi e merletti diventa un vero e proprio strumento di seduzione, declinato secondo i più rigidi dettami della moda. Cambiano i tempi, certo, ma non cambia la voglia di attrarre l’attenzione: a ricordarlo è l’ologramma presente all’Espace Pierre Cardin che, come una memoria storica, mette a confronto le forme del corpo delle donne; diverse sì, ma sempre pronte a conquistare con il proprio fascino.

Fonte: var _ajaxurl_ = "http://www.diredonna.it/wp-admin/admin-ajax.php";var _tag_ = 'noalert';var _newslettertitle_ = "Lingerie in mostra a Parigi";