Che i servizi di “Striscia la notizia” fossero irriverenti e che dessero molto fastidio era risaputo. Ma rispondere con la violenza ai servizi televisivi del programma è un atto inaccettabile.

Non sono rare le volte, infatti, in cui ai telespettatori sono stati mostrati atti ostili e violenti nei confronti degli inviati di Striscia, primo tra tutti Valerio Staffelli.

Ma questa volta la vicenda è più grave: ieri sera, a Reggio Emilia, qualcuno ha tentato di incendiare il cottage di Edoardo Stoppa, uno dei tanti inviati del programma di Antonio Ricci.

L’inviato si occupa di documentare servizi che riguardano la natura e gli animali e, molto spesso, ha risolto delicate questioni con l’aiuto delle forze dell’ordine competenti:

Io mi occupo degli animali e della natura. Cerco di scovare ogni forma di maltrattamento e di ingiustizia che riguardi i più indifesi del nostro pianeta.

Ancora ignote le identità dei piromani. Le autorità competenti stanno indagando sui motivi del folle gesto, tuttavia pare vi siano dei dettagli non di certo trascurabili: su delle strutture adiacenti al cottage, sono state trovate scritte offensive rivolte alla produzione del telegiornale satirico di Antonio Ricci.

Il curriculum di Edoardo Stoppa è di tutto rispetto: prima di Striscia ha condotto quiz come “Zengi” e “Mango” e il rotocalco calcistico “Prima del processo” su La7, oltre ad aver partecipato come attore agli sketch di “Scherzi a parte”.