Dopo interminabili mesi di attesa, tra indiscrezioni e smentite, aspettative e perplessità, il telefono “Made in Cupertino” rivela il suo primo restyling, con importanti evoluzioni tecnologiche che mirano a conquistare l’esigente mercato europeo e soprattutto italiano.

Erano circa le 19 e 30 di lunedì 9 Giugno quando un visibilmente dimagrito Steve Jobs annunciava al mondo quello che milioni di orecchie aspettavano di sentire da tanto, troppo tempo.

L’iPhone arriva anche da noi, non con il nuovo modello 3G, ormai in parte eguagliato e superato dalla concorrenza, ma con una versione 2.0 ricca di novità che meglio si adatta agli alti standard nostrani.

Il corpo del telefono è leggermente più sottile, l’alluminio lascia il posto alla plastica lucida (permettendo una migliore ricezione prima attenuata dalla scocca metallica) nera per la versione da 8GB e anche bianca per quella da 16GB.

Finalmente viene introdotto anche un modulo GPS integrato, come in molti speravano, già predisposto per lavorare in tandem con Google Maps, preinstallato nel sistema operativo. La connettività HDSPA permette di navigare in rete e scaricare contenuti a velocità superiori a molte ADSL domestiche, alle quali ci si può comunque agganciare via WiFi come accadeva nel precedente modello.

Ciò che ha rallentato lo sviluppo dell’iPhone 3G è l’avidità dei dispositivi di terza generazione nel consumare la batteria, il che in un dispositivo progettato per svolgere innumerevoli funzioni anche contemporaneamente sarebbe potuto essere un grande problema.

Gli ingegneri Apple sono riusciti ad ottimizzare il tutto, promettendo una durata della batteria di 5 ore in conversazione (che raddoppiano se si rimane in modalità 2G), 24 in riproduzione di musica, 7 per i video, 6 per la navigazione sul Web e 300 di standby.

L’iPhone 3G farà il suo debutto l’11 Luglio, in Italia sarà in partnership con TIM e Vodafone.

In America i prezzi saranno di 199 e 299 dollari, per i modelli da 8 e 16 giga, in abbinamento alla sottoscrizione di un contratto biennale con l’operatore telefonico.

Non sono ancora noti i prezzi proposti dai carrier italiani ma Vodafone ha annunciato che le versioni “sbloccate”, utilizzabili cioè con qualsiasi SIM e senza vincoli contrattuali, costeranno 499 euro (8 Gigabyte) e 569 euro (16 Gigabyte).

Non resta quindi che aspettare l’11 Luglio, ingannando l’attesa pregustando le tante nuove caratteristiche introdotte.