Dopo la bruttissima esperienza capitagli a “L’Isola dei Famosi”, Luca Ward chiede giustizia: l’attore, ex naufrago del reality show, si è infortunato e ha rischiato la paralisi a causa di un tuffo in acque poco profonde al suo arrivo sull’isola in Nicaragua.

La responsabilità pare sia degli autori del programma, i quali non sono stati previdenti e non avrebbero controllato l’altezza delle acque nel punto dove i naufraghi avrebbero dovuto lanciarsi.

Attualmente, l’attore non è ancora riuscito a riprendersi e ha deciso di chiedere un risarcimento danni a Magnolia, la società che si occupa del format:

Ho rischiato di rimanere paralizzato a causa del tuffo dall’elicottero nella prima puntata dell’Isola. È stato un incidente, ma dovuto alla leggerezza di chi ha organizzato l’operazione: non è stata considerata la bassa marea. Non era inizialmente nelle mie intenzioni, ma ho chiesto al mio avvocato di contattare la società di produzione e di valutare la strada più opportuna per tutelarmi.

Probabilmente la decisione è stata presa vista la gravità dell’incidente. Inizialmente, infatti, Luca Ward pareva stare bene ma, al suo ritorno in Italia, ha trovato diverse fratture, dopo essersi sottoposto ad accertamenti medici:

Ho fratture vertebrali, l’osso sacro e il coccige rotto: stampelle e un busto da portare giorno e notte per un mese e mezzo. Non riesco a vestirmi da solo, né prendere in braccio i miei figli. Non posso guidare, né stare seduto in posizione eretta.

Ma ciò che ha davvero colpito negativamente il doppiatore è stata l’indifferenza che la società Magnolia avrebbe ostentato nei suoi confronti. Ward ha dichiarato di non aver ricevuto nemmeno una telefonata da parte di Simona Ventura o della produzione del programma:

Simona Ventura non mi ha chiamato e non ho ricevuto telefonate dalla Magnolia: nessuno della produzione mi ha chiamato per chiedermi come sto. Questo silenzio da parte della Magnolia mi sorprende e mi spaventa.

In risposta a queste pesanti accuse, Magnolia fa sapere ai telespettatori de “L’Isola” che la produzione del programma ha sempre seguito da vicino la vicenda di Luca Ward. In una nota, la società afferma di aver addirittura ricevuto richieste monetarie da parte dell’agente del doppiatore:

Luca Ward è stato costantemente assistito dalla produzione dell’Isola dei Famosi: l’attore è stato sottoposto ad accertamenti medici, che hanno escluso la presenza di fratture. Al suo rientro in Italia, Ward è stato sottoposto a cura di Magnolia a un’ulteriore visita neurologica e ortopedica presso il Centro Diagnostico di Milano. Successivamente la produzione si è costantemente tenuta in contatto con l’agente di Ward, che ha avanzato richieste economiche da parte dell’attore. Visto il contenuto diffamatorio dell’intervista rilasciata a TV, Sorrisi e Canzoni, Magnolia ha dato incarico ai propri legali di procedere a tutela della propria reputazione.