SKY interrompe le trasmissioni di Mediaset Plus, il biscione in risposta promette di chiedere i danni. Ormai è guerra aperta tra il gruppo di Rupert Murdoch e Mediaset, con SKY che accusa la TV italiana di ripetute inadempienze. Immediata la replica di Rti, secondo cui sarebbe SKY ad aver assunto da subito un comportamento non in linea con gli accordi.

Galleria di immagini: Programmi e personaggi Mediaset

A causare il definitivo stop alle trasmissioni il mancato rispetto, secondo SKY, di quanto stabilito a suo tempo circa la programmazione del nuovo canale Rti. Nei palinsesti di Mediaset Plus, trasmesso sulla piattaforma SKY, dovevano essere presenti gli intrattenimenti migliori di Canale 5, Italia 1 e Rete 4: format di successo come “Chi Vuol Essere Milionario”, “Striscia la Notizia”, “Zelig” e altri dello stesso livello di audience. Dispiaciuto si dichiara Tom Mockridge, dettosi sorpreso che Mediaset:

“Non abbia onorato gli impegni contrattuali. Stupisce che il gruppo rinunci a una platea televisiva di oltre 13 milioni di italiani che accedono ai programmi SKY, dopo aver già rifiutato di accogliere le nostre campagne pubblicitarie sulle proprie reti, rinunciando così ai relativi proventi”.

Nel pomeriggio di ieri la replica di Rti attraverso la voce dell’Amministratore Delegato, Marco Giordani:

“Mediaset ha rispettato scrupolosamente il contratto. Sorprende che SKY si inventi una presunta inadempienza solo dopo tre anni di contratto e guarda caso dopo aver ricevuto una nostra ingiunzione, emessa dal tribunale di Milano a causa degli insufficienti pagamenti di SKY”.

Sul tema delle mancate trasmissioni di spot pubblicitari SKY, lo stesso Giordani afferma che non è stata Mediaset a mancare gli accordi, ma:

“Che è stata proprio SKY a rifiutare la nostra proposta di reciprocità pubblicitaria: spot loro su Mediaset, spot nostri su SKY. A Mockridge, evidentemente, piacciono solo gli accordi a senso unico”.