Peter Jackson ha presentato al Comic-Con alcune sequenze del suo imminente Lo Hobbit – Un viaggio inaspettato, prequel della saga Il Signore degli Anelli.

Come Il Signore degli Anelli, Lo Hobbit è stato girato in Nuova Zelanda e si prospetta un altro capolavoro di tecnologie avanzatissime. Peter Jackson ha infatti scelto di girare il film a 48 fotogrammi al secondo, invece che gli ordinari 24, una tecnica che renderebbe il 3D molto più realistico e meno fastidioso per la vista dello spettatore.

Galleria di immagini: Lo Hobbit, immagini dei poster

Tuttavia le prime sequenze mostrate al Comic-Con non avrebbero ricevuto commenti particolarmente positivi da parte dell’audience, motivo per cui Jackson ha deciso di proiettare altre sequenze in 2D a 24, in modo che l’attenzione del pubblico si concentri più sulla storia che non sugli aspetti tecnici del film.

Peter Jackson ci tiene infatti a porre l’accento sul contenuto del film, tratto dall’omonimo volume di J. R. R. Tolkien ritenuto a torto, secondo il regista, più semplificato e scarno del ben più famoso e corposo Il Signore degli Anelli. Intervistato da Hero Complex, il regista ha infatti precisato come il mondo orchestrato da Lo Hobbit sia altrettanto complesso: per il film ha inoltre fatto uso in modo massiccio delle appendici al libro, che precisano ulteriori dettagli sulla location e sulla mitologia della Terra di Mezzo.

Non si tratta solo de Lo Hobbit, è Lo Hobbit ambientato in un contesto più ampio e comprensivo di tutti gli eventi che accadono nella Terra di Mezzo in quel periodo.

Il materiale è moltissimo, motivo per cui Lo Hobbit sarà composto di due parti, che usciranno nei cinema a un anno di distanza l’uno dall’altro.

Al Comic-Con sono anche stati esposti ben sedici nuovi poster promozionali del film, uno per ogni personaggio. L’uscita de Lo Hobbit in Italia è prevista per il 14 dicembre.

Fonte: Badtaste