L’incredibile successo ottenuto dal 3D nelle sale, e da pellicole come “Avatar” e “Alice in Wonderland”, sta creando una moda e tanti produttori guardano alla novità con interesse.

L’ennesima conferma del cambiamento in atto arriva da Guillermo del Toro, che sembrerebbe intenzionato a rinviare ulteriormente l’inizio delle riprese di “Lo Hobbit“, proprio per poter sfruttare l’avvento della “nuova” tecnologia.

Il film di Guillermo sarà prodotto da Peter Jackson che, come ben sappiamo, insieme a James Cameron e Steven Spielberg, sta tentando di far spostare il più velocemente possibile l’industria cinematografica verso il 3D.

Indiscrezioni a parte, con ogni probabilità a occuparsi degli effetti speciali ci sarà proprio la Weta Digital dello stesso Jackson; proprio come è già accaduto con il kolossal di Cameron. La gavetta, fatta con la trilogia del signore degli anelli, ha permesso alla casa produttrice di diventare l’indiscussa leader del settore, esattamente come la Nuova Zelanda lo è diventata per le location.

Ricordiamo che il primo capitolo di “Lo Hobbit” dovrebbe arrivare nelle sale a dicembre del 2011, e che nonostante le voci insistenti su una possibile volontà di girarlo in 3D, non vi è ancora nulla di ufficiale, anche se i continui rinvii di produzione potrebbero non essere del tutto un caso.