Ogni volta che arriva l’ora legale, le lancette dell’orologio si spostano avanti di un’ora e per molte persone il cambio rappresenta un problema e può comportare vari disturbi del sonno. Questi possono essere però limitati con un’apposita dieta: fare attenzione all’alimentazione aiuterà ad adattarsi meglio alle nuove abitudini.

La dieta serale dell’ora legale è stata stilata dalla Coldiretti, che suggerisce un metodo semplice ed efficace per combattere quelle conseguenze derivanti dal cambio non proprio positive per la nostra salute.

Galleria di immagini: Problemi del sonno

Assolutamente sconsigliati e bollati con un disco rosso tutti gli alimenti eccitanti, come cibi conditi con curry, pepe, paprika, sale in abbondanza, salatini, alimenti in scatola e minestre insaporite con un dado da cucina, in quanto tutti questi cibi rendono più complicato addormentarsi.

Per abbattere l’insonnia è preferibile inoltre evitare cioccolato, tè, caffè, cacao, ed è obbligatoria l’eliminazione di alcolici e superalcolici, poiché inducono un sonno di cattiva qualità.

I cibi raccomandati e bollati per questo motivo con un disco verde sono invece pane, pasta, riso, formaggi freschi, uova bollite, latte caldo e frutta dolce, tutti alimenti che aiutano l’organismo a rilassarsi e favoriscono il sonno. Da non dimenticare lattuga, radicchio e aglio, che con le loro proprietà sedative conciliano il riposo.

Anche zucca, rape e cavoli hanno effetti benefici per il nostro sonno, e sono assolutamente consigliati poi il dolcetto ricco di carboidrati semplici, che ha un’azione antistress, e il sempre utile bicchiere di latte caldo, assunto prima di andare a letto: questo, infatti, oltre a diminuire l’acidità gastrica che può interrompere il sonno, promuove la creazione di reazioni chimiche nemiche di ansia e nervosismo e fa entrare in circolo, durante la digestione, elementi che favoriscono una lunga e continua dormita.

Spiega inoltre la Coldiretti che:

“per conciliare alimentazione e buon riposo bisogna dosare bene la quantità di cibo assunto. No a digiuni estremi, ma no anche all’eccesso: il segreto è nella misura.”

Una dieta dunque piuttosto semplice che ci aiuterà a dormire sonni più tranquilli nonostante il cambio d’ora, ed evitare inutili ansie e nervosismi derivanti da un cattivo riposo. Che l’alimentazione fosse in stretto rapporto con il sonno si sapeva, dunque perché non curarla e riposare bene, col vantaggio di essere poi efficienti per tutta la giornata?