Che Augusto Minzolini, con i suoi sempre più frequenti editoriali pro governo, stia creando un certo imbarazzo in Rai, è cosa nota. Ma che il nuovo direttore generale Lorenza Lei potesse minacciare di sostituirlo, è un fatto davvero inaspettato.

Tutto è avvenuto nella serata di ieri, durante una audizione alla Commissione di Vigilanza Rai, presieduta da Sergio Zavoli. Il direttore generale è stato interpellata proprio da Zavoli, il quale ha affermato con preoccupazione:

Galleria di immagini: Vertici RAI

“L’opinione pubblica è sempre più unanime nel criticare l’atteggiamento del Tg1 che pervicacemente continua a produrre i motivi del discredito professionale e politico che non giova al prestigio del servizio pubblico”

Zavoli ha anche segnalato i pesanti cali di ascolti subiti dal Tg1, che dovrebbe essere il telegiornale di punta della televisione pubblica, da quando ne è direttore Augusto Minzolini. Lorenza Lei ha allora risposto che defenestrare Minzolini è un compito che spetta ai consiglieri, e ha aggiunto:

“Posso anche portare la richiesta in consiglio, ma devo avere con me un coro che non deve essere composto solo da cinque anime”.

Il mancato sostegno del dg Lei si aggiunge a quello del Presidente Rai Paolo Garimberti, che in seguito all’ennesimo editoriale politicamente schierato di Minzolini, aveva dichiarato che le opinioni del direttore del Tg1 impegnavano lui soltanto e non l’intera televisione di Stato.

In serata, dopo l’intervento di Lorenza Lei in Commissione Vigilanza, è giunta l’immediata risposta irritata di Minzolini, che accusa Zavoli di essere a sua volta schierato.

Fonte: Il Messaggero