Il Lotus Birth è un approccio alla nascita molto delicato, che consente al nascituro di adattarsi in modo graduale alla vita. Qual è la sua caratteristica fondamentale? Il cordone ombelicale non viene reciso ma si attende che si distacchi in modo naturale dal bambino, al massimo 8 giorni dopo il parto.

I benefici per madre e figlio, sia a livello biologico che psicologico, sono notevoli. Durante la gravidanza sulla parete interna dell’utero si forma una struttura spugnosa ricca di vasi sanguigni, la placenta. Attraverso il cordone ombelicale, essa consente gli scambi necessari alla nutrizione e alla respirazione del feto. Fin da subito la placenta assolve gli stessi compiti dei piccoli organi, non ancora sufficienti poiché in via di sviluppo, fornendo al bimbo tutto ciò di cui necessita.

Il motivo che giustifica il legame profondo fra il bambino e l’involucro che lo avviluppa, sta inoltre nel fatto che entrambi si formano dalla stessa cellula durante la fecondazione, per cui entrambi appartengono al medesimo DNA.

In base ai principi del Lotus Birth è sbagliato separare il bambino dal proprio organo-placenta prima del tempo, altrimenti gli si provoca uno shock, che avrà conseguenze su di lui anche in futuro. Ciò perché nell’istante in cui veniamo al mondo avviene in noi un passaggio fondamentale: dalla respirazione placentare a quella polmonare. Se in questa fase siamo ancora attaccati alla placenta tale passaggio avviene in modo progressivo, per nulla traumatico.

Secondo i dettami della medicina olistica in ognuno di noi c’è un’energia vitale; venendo meno quest’ultima, insorge lo stato di malattia. Durante la {#gravidanza} è la placenta a rappresentare il centro dell’energia del bambino ma, dopo il {#parto}, tale energia non riesce a trasferirsi in lui tutta in una volta. Occorrono alcuni giorni perché ciò avvenga in modo sano e completo.

Si tratta di giorni di transizione, indispensabili al bambino per ambientarsi in un mondo nuovo, differente e per certi versi opposto a quello da cui proviene, in cui i ritmi vitali si fanno più veloci. In questo tempo di passaggio la placenta continuerà a rilasciare al neonato sangue e altri nutrimenti.

Il Lotus Birth è un sistema per guardare le cose da un’altra angolazione, imparando la pazienza e il rispetto del ritmo naturale dell’esistenza, senza forzature, senza turbamenti. Anche la mamma trae beneficio dal parto integrale, che riduce il rischio di emorragie postpartum.

Dopo aver lavato delicatamente la placenta, essa verrà conservata in un catino accanto al bambino per tutto il tempo necessario, avendo cura di cospargerla di sale e oli essenziali profumati – necessari per la sua corretta conservazione – e di avvolgerla ogni giorno in un panno assorbente pulito.

In tal modo il bambino riceverà in dono grande equilibrio interiore e senso di completezza, capacità di contare sulle proprie risorse, forte autostima e forte consapevolezza del proprio corpo. Oltre a buona salute e forza fisica, naturalmente.