Il nuovo video dei Radiohead, girato per la canzone Lotus Flower con cui è stato annunciato a sorpresa il lancio del nuovo album del gruppo di Oxford, è già un culto su Facebook. Nel clip si vede un inedito Tom Yorke ballare per tutta la durata della canzone, tradendo la classica atmosfera austera dei precedenti video, e in rete già impazzano le parodie.

Solo digitando un semplice “dancing Thom Yorke” su YouTube, è possibile trovare i più diversi riadattamenti del video in cui il frontman dei Radiohead balla seguendo i ritmi più diversi e sulle basi musicali più improbabili. Una delle prime versioni che hanno iniziato a circolare sul celebre sito di broadcasting e che ha registrato innumerevoli condivisioni su Facebook, è stata un’inedita versione della canzone di Beyoncé, Single Ladies.

Galleria di immagini: Radiohead - Kings of limbs

Da quel momento in poi, le parodie si sono diffuse a una velocità impressionante, quasi degna del migliore dei viral marketing. Così, accanto a una versione alla Benny Hill, possiamo trovare Thom Yorke che balla su un tormentone degli Anni ’90 come i Venga Boys, passando per la samba brasiliana a un’esilarante versione di Dancing Queen degli Abba.

A dire il vero, è stato un gruppo italiano il primo ad avere avuto l’intuizione giusta, ossia quella di sfruttare un ignaro Thom Yorke ballerino adattandone le mosse su una canzone che non fosse l’originale Lotus Flower. Dopo poco più di 15 minuti dalla diffusione dell’originale, infatti, sono stati gli Anubi, una band milanese, a pubblicare la loro personalissima versione del video in cui Yorke balla sulle note della loro Capital City.

Molto probabilmente la ragione del successo di tali parodie e riadattamenti è l’uso di canzoni che mai, fino a ora, sono state accostate ai radiohead, considerati uno dei pochi “mostri sacri” della musica mondiale. Anche lo stesso Thom Yorke si è sempre dimostrato piuttosto posato, pur essendo famoso per essere un carismatico frontman sul palco, e di certo vederlo ballare sulle note della versione house di “Tu vo fa l’americano” è a dir poco insolito.

Di seguito, Tom Yorke in versione Venga Boys, Disco Pogo e clone di Mauro Reppetto in “Nord Sud Ovest Est”.