Il regista Luc Besson dirigerà un film su Aung San Suu Kyi, la leader dell’opposizione democratica in Birmania, liberata lo scorso mese dalla giunta militare dopo molti anni di arresti domiciliari. Aung San Suu Kyi è l’emblema della lotta per la democrazia. Nobel per la pace nel ’91, la leader birmana ha tenacemente lottato negli anni per liberare il suo Paese dal regime militare.

Il film, che si intitolerà “Dans La Lumiere”, avrà come protagonista la star di Hollywood di origine malese, Michelle Yeoh, ex Bond girl ne “Il domani non muore mai” accanto a Pierce Brosnan e affascinante guerriera in “La Tigre e il dragone”.

Le riprese del film sono iniziate tra la Thailandia e la Birmania e questo s’incentrerà sull’impegno politico della leader dell’opposizione democratica Aung San Suu Kyi e del suo lungo e forzato esilio in patria.

Michelle Yeoh ha già incontrato diverse volte la leader dell’opposizione democratica birmana, per poter al meglio interpretarla. Secondo il portavoce della Lega Nazionale per la Democrazia, Nyan Win, sia l’attrice che Aung San Suu Kyi si assomiglierebbero molto. Secondo altri esponenti del partito, invece, le due donne non avrebbero nulla in comune. Sicuramente c’è molta attesa per questo film, non solo tra i seguaci della leader birmana, ma anche in tutto il mondo.

Infatti, la storia di Aung San Suu Kyi ha conquistato tutta la comunità internazionale, perché grazie alla sua forza e alla sua determinazione è riuscita a difendere i suoi principi e i suoi ideali democratici.