È iniziata a Lucca la sesta edizione del Lucca Digital Photo Fest: il festival di fotografia, arte e video più prestigioso d’Italia. Quest’anno il tema del festival è la donna a 360 gradi: 17 mostre fotografiche allestite in parti diverse della città ci mostreranno, fino al 12 dicembre, i diversi volti della femminilità.

La mostra spazierà dalle immagini vintage di Horst P. Horst, ai nudi delle donne più famose di Michel Comte, per poi passare a una realtà più cruda immortalata da Donna Ferrato nel suo lavoro “Living with Enemy”, dove rappresenta la violenza sulle donne in famiglia.

Sara Munari, invece, dopo aver trascorso 10 giorni in un campo rom a Tirana, è riuscita a cogliere gli sguardi, i sorrisi le aspirazioni di quelle giovani ragazze, mostrandoci qualcosa che va oltre la povertà di quei luoghi. Della sua esperienza Sara Munari, vincitrice del premio Roberto Del Carlo, parla così:

Sono andata a vedere di persona chi fossero questi Rom, sono stata con loro, ne ho conosciuti, ho visto le loro case e ho giocato coi loro bambini […] Tra i giovani Rom, e lì erano tanti, praticamente tutti, c’era una curiosità ed una disponibilità, nei nostri confronti, che mi ha positivamente colpita. Così, ho subito abbandonato l’idea di rappresentarli come li avevo già visti, ho tentato di raccontarne le caratteristiche, perché loro non hanno storia scritta, spesso non hanno futuro… tutto impalpabile, se non per l’attimo in cui sono stata lì, con loro.

Un’anteprima assolutamente da non perdere è la mostra “Bye bye baby, Marylin“: 80 scatti fotografici per omaggiare la bellezza e la femminilità di un mito senza tempo come Marylin Monroe. La mostra è curata da Giuliana Scimè, che ha offerto per l’occasione le immagini della sua collezione privata suddivise in 3 parti: una che raccoglie gli scatti fatti dai grandi fotografi; un’altra riunisce gli scatti fatti nei set più celebri e i momenti privati dell’attrice. L’ultima, invece, dal titolo “Marilyn e il desiderio collettivo”, è dedicata alla riaffermazione del mito della diva attraverso una serie effigi su magliette, profumi e borse..

Ospite d’onore della rassegna è Sandy Skoglund, a cui sarà consegnato il premio “Lucca Digital Photo Award”. La sua esposizione s’intitola “The power of imagination” e racchiude le opere dagli anni’80 a oggi. Tra istallazioni e scatti fotografici dell’autrice preparatevi a intraprendere un viaggio onirico e surreale fatto di pesci colorati che volano nelle stanze.