Come deve essere l’ufficio ideale? Arioso, spazioso, accogliente, molto luminoso e con la possibilità di godersi un panorama piacevole fuori dalla finestra. Ma volendo mirare in alto, l’ambiente di lavoro perfetto prevede una scrivania in mezzo al bosco.

A dipingere il ritratto dell’ufficio ideale sono stati due architetti spagnoli, José Selgas e Lucia Cano, che oltre che progettarlo sulla carta hanno anche deciso di realizzare il loro ufficio nel bosco, situato nelle campagne nei dintorni di Madrid.

Per i dipendenti dello studio Selgascano, infatti, recarsi al lavoro è più che un piacere, visto e considerato che le postazioni sono contenute all’interno di una struttura costruita in plastica acrilica, completamente trasparente, dalla quale è possibile ammirare alberi e vegetazione a volontà.

Non è difficile immaginare come, all’interno di questo ufficio green, anche smaltire una pila di scartoffie possa sembrare una mansione più leggera, senza considerare gli ulteriori vantaggi che derivano dalla presenza di una temperatura interna ideale per lavorare, grazie al sole, e della luce naturale che non stanca gli occhi rendendo il lavoro meno faticoso.

Per la coppia di architetti spagnoli un ufficio immerso nel verde rappresenta la soluzione ideale per esprimere la creatività e tenere lontane le distrazioni, lontano dai rumori della città e a contatto con la natura. Ecco come descrivono questo spazio assolutamente innovativo, che probabilmente sarà oggetto di molte emulazioni.

«Per realizzare il progetto c’era bisogno di un tetto che fosse il più trasparente possibile. Allo stesso tempo però avevamo bisogno di proteggere la zona delle scrivanie dal sole diretto.»

Fonte: Selgascano