Tradimento e finto orgasmo: due questioni che, se considerate separatamente, costituiscono i capisaldi di tutte la vita sessuale della coppia. Il primo perché alimenta sospetti e gelosie decisamente infondati, il secondo perché fomenta gli uomini nel credere che non siano degli amatori sufficientemente capaci. Ma da oggi c’è un fattore importante che li accomuna.

È una ricerca di Archive of Sexual Behavior a correlare il tradimento con l’orgasmo simulato: le donne, infatti, inscenerebbero il culmine del piacere proprio quando smettono di fidarsi del loro compagno, quasi fosse una punizione o una vendetta ben celata.

I dati sono stati raccolti su ben 453 donne tra i 18 e i 46, impegnate in una storia d’amore almeno da 6 mesi al momento della survey. E i risultati sono decisamente scioccanti: il 53,9% delle intervistate, oltre la metà assoluta del campione, finge abitualmente il raggiungimento dell’orgasmo.

Le motivazioni sono le più disparate: come si è già accennato, la maggior parte delle donne mente proprio quando ha dei dubbi sulla fedeltà del compagno, sia per punizione che per un effettivo mancato raggiungimento del piacere. Difficile, infatti, trovarsi sessualmente coinvolte in un amplesso quando la passione è ammazzata dal sospetto delle corna. Per molte, però, il falso climax sessuale risponde anche ad altre ragioni, prima fra tutte quella di tenersi ben stretto il proprio partner.

Ebbene sì, pare che il genere femminile abbia ben compreso come l’uomo dimostri scarsissime possibilità di rompere un rapporto quando si sente apprezzato nella sua più intima virilità. In altre parole, più si fomenta nel genere maschile il gene della vanità, quello che lo porta a credere di essere un dio del sesso, più la storia d’amore rischia di diventare eterna. E per mantenere un compagno amato e ammirato pare che le donne siano proprio pronte a tutto, anche a rinunciare al piacere e a sottoporsi a sessioni in camera da letto tutto fuorché edificanti.

Fonte: ASCA