La bellezza e la cura della pelle tornano protagoniste in ottobre, mese dedicato alla prevenzione delle macchie cutanee.

L’evento preventivo in programma è nato dalla collaborazione tra Eucerin e Isplad, l’associazione di dermatologi che si occupa di plastica e terapia oncologica e rigenerativa della pelle. Curare e prevenire le macchie cutanee non è solo un discorso legato alla bellezza, ma in primo luogo alla salute.

Il presidente dell’Associazione dermatologi Isplad, Antonio Di Pietro, afferma che, sì, oggi le modalità per eliminare le macchie cutanee sono molteplici ed efficaci – basti pensare al peeling o al laser a luce pulsata – ma che occorre innanzitutto una diagnosi precisa, tagliata su misura sulla paziente. Esistono, infatti, diversi tipi di macchie cutanee: vi sono quelle determinate da fattori ormonali o metabolici, quelle genetiche, infiammatorie e senili; se le macchie legate all’età avanzata sono le più semplici da togliere, quelle su pelli giovani, di donne dai venti ai trent’anni, sono le più difficili da eliminare, specie se non vengono diagnosticate in tempo.

La campagna, quindi, è volta ad una sensibilizzazione sulla salute della pelle. Oltre a fare periodiche visite dal dermatologo e oltre e cercare di scoprire se le macchie sono profonde o superficiali, occorre curare la pelle quotidianamente: usare creme che schermano dai raggi solari è già un’ottima modalità di prevenzione. Così come non bisogna esporsi al sole senza protezione o nelle ore sbagliate se si ha una pelle molto sensibile. Tuttavia, la campagna per la cura delle macchie cutanee è rivolta anche a chi ha una pelle molto scura, ugualmente soggetta al problema.

Fonte: Vogue