Il Natale rende tutti più buoni? Forse, ma in qualche caso sembrerebbe poter rendere tutti più grassi e non è soltanto una questione di cenoni e pandori vari.

A metterci lo zampino in tale questione è infatti il famigerato Photoshop, solitamente utilizzato per “ritocchini per difetto” (mai espressione fu più azzeccata!), ma utile anche ad arrotondare per eccesso (e anche qui i termini si adattano alla perfezione!).

Mi riferisco alla card lanciata dall’agenzia pubblicitaria Victors & Spoils, che per Natale ha deciso di deliziare gli internauti con una versione molto particolare di Santa Claus.

La foto di una bella e magra modella bionda (già evidentemente e abbondantemente photoshoppata come di consueto) è stata infatti ritoccata a dovere “al contrario”, cioè per rappresentare un paffuto e barbuto Babbo Natale mezzo nudo. Il risultato è una decisa presa in giro, senza nulla da invidiare ai meno tecnologici, ma sempre verdi ritocchi a penna sui manifesti per strada.

I pubblicitari hanno così voluto dare un bel calcio a diversi stereotipi tanto cari a questa nostra società: la magrezza eletta a perfezione, la ricerca ossessiva di un’esteticità inesistente e rimaneggiata, il ricorso compulsivo al ritocco, col bisturi o con Photoshop poco importa.

La provocazione e soprattutto la presa in giro ci stanno, tanto più che con Babbo Natale di mezzo diventa tutto più ironico. Tutto ciò tuttavia non fa che porre l’accento su questioni che, detto fra noi, cominciano a risultarmi quanto meno stomachevoli.

Alla fine clichè, stereotipi, negatività gratuite di vario genere coinvolgono nell’immaginario collettivo quasi sempre, soltanto, il genere femminile. Le donne devono essere super magre, le donne devono essere esteticamente perfette, le donne vanno ritoccate (nel bene o nel male), quindi alla fine le donne sono anche l’oggetto di parodie e prese in giro.

Diciamo che in ogni caso la finisco qui. Perchè non mi va di ricadere nel vortice della negatività che il gap di genere provoca. Dunque ridiamoci su. In fondo, detto con l’invidia di una donna taglia 44, vedere una modella taglia 38 così ritoccata, può provocare un sottile e cattivo piacere. Ma anche no. Perchè poi penso che quella ritoccata, in peggio, potrei essere proprio io; ma nella realtà.

photo credit: Funky64 (www.lucarossato.com) via photopin cc