Come fare per tornare in forma e sentirsi più leggere e sgonfie? Sappiamo che i vegetariani hanno i valori di colesterolo nel sangue molto inferiori rispetto agli onnivori, e le malattie cardiovascolari sono meno frequenti nei vegetariani. Questo perché i cibi vegetali sono poveri di grassi saturi e totalmente privi di colesterolo, che sono i fattori responsabili dell’aumento dei livelli di colesterolo nel sangue. I vegani, in particolare, seguono un dieta tendenzialmente priva di colesterolo, dal momento che questo si trova nei cibi animali come carni, latticini e uova.

Quindi per tre o quattro giorni a settimana non male sarebbe seguire un regime alimentare vegetariano – per certi versi più accurato di quello mediterraneo – proprio per far tornare i livelli del sangue alla normalità, disintossicare il corpo e ritornare in forma. Inoltre si riducono i rischi quali diabete, ipertensione e sovrappeso grazie alla introduzione di carboidrati complessi ricchi di fibre che regolano la concentrazione di zuccheri nel sangue.

Inoltre il consumo di frutta e verdura in maggiori quantità consente di proteggere il cuore grazie a un surplus di antiossidanti, mentre il potassio, i folati e l’acido alfa-linoleico abbassano i valori del colesterolo cattivo (LDL). I vegetariani integrano il ferro e le proteine con il consumo di legumi e frutta oleosa, e aggiungendo il limone alle verdure, poiché la vitamina C fissa l’assimilazione del ferro contenuto in esse. La vitamina B12, invece, viene facilmente assimilata tramite uova e latticini.

Un esempio di menu vegetariano è il seguente: per l’antipasto si possono preparare delle verdure grigliate, del caprino fresco e pomodoro pachino, servendo il tutto in involtini di verdure precedentemente cucinate al gratin.

Per il primo piatto l’ideale, di questi tempi, è una crema di finocchi e yogurt (cucinando a vapore i finocchi con le spezie e poi frullarli con due bicchieri di brodo vegetale, lo yogurt e il prezzemolo).

Per secondo, invece, un quiche di verdure e funghi al forno (ingredienti: pasta sfoglia bio già pronta; un trito di funghi e verdure (300 g); 1 uovo; 250 g di yogurt bio), che per le sue calorie può essere considerato un piatto unico. Per il contorno ci si può sbizzarrire come si vuole: un esempio potrebbe essere il mix verde ai pinoli (500 g di cime di broccoli; una manciata di fagiolini e qualche punta di asparago (anche surgelati); 20 pinoli; sale, aceto di riso e olio d’oliva) ricco, tra l’altro, di calcio fibre anticolesterolo e betacarotene.

Infine il dolce. Per una mousse di pere ecco gli ingredienti: 2 pere; 1 cucchiaio di cocco essiccato; 2 cucchiaini di cacao amaro; 1 vasetto di yogurt bio. Le pere vanno cotte a vapore e frullate insieme agli altri ingredienti (tranne il cocco che va usato, però, solo per guarnire).

Fonte: obiettivobenessere.