Con il make up si riescono a fare cose incredibili: si ingrandiscono le labbra, assottiglia il viso, migliora l’incarnato e intensifica lo sguardo. Se si è delle principianti, può essere utile seguire qualche consiglio, facile da mettere in pratica.

  1. Come prima cosa, è importante scegliere bene il colore del fondotinta. La regola base da seguire è cercare la tonalità che più si avvicina al colore della pelle. Da evitare accuratamente che sia anche di mezza tonalità più scuro della pelle, perché si rischia di mettere il risalto le imperfezioni e di non riuscire a stenderlo senza creare l’effetto maschera. Altro parametro importante per la scelta del fondotinta è la texture: fondotinta troppo coprenti rischiano di valorizzare i difetti che si vorrebbero nascondere. Scegliete quindi un prodotto più leggero che dia al volto un effetto naturale. La leggerezza del fondotinta permette anche di lasciare leggera la pelle e di non sottolineare le piccole rughe. Deve essere scelto sopratutto in base al tipo di pelle: se è tendente al grasso, meglio optare per un fondotinta matt o minerale che opacizzi la pelle. Al contrario, chi avrà una pelle che tende a seccarsi si affidi a prodotti cremosi e idratanti che proteggono la pelle e la nutrono. Una donna alle prime armi è meglio che inizi ad applicarlo con le punte delle dita, passando solo in seguito all’applicazione con il pennello. Si comincia con lo stendere il prodotto in piccole quantità sui 5 punti nevralgici del viso (come se fossero dei pomelli), fronte, naso, mento e guance. Si sale poi verso la fronte, ci si allarga verso le orecchie e si arriva al collo.
  2. Una volta scelto e applicato il fondotinta, i due step più complicati, si passa al blush. Anche in questo caso la cosa importante è scegliere la tonalità adatta al proprio incarnato.Per un’applicazione ottimale del blush, il colore va sfumato dal centro delle guance verso le tempie, per avere un effetto “bonne minne”. Se invece si vuol dare maggiore risalto agli zigomi, il blush va applicato sotto l’osso zigomatico, utilizzando un colore adatto a ricreare l’effetto “sculpting”.  Il fard va stemperato con un movimento a 3 partendo dalle tempie e chiudendo sulla mascella. Questo darà maggiore tridimensionalità alla forma del viso. Per una corretta applicazione? Basta sorridere davanti allo specchio, in modo che i muscoli facciali assumano la posizione giusta per individuare facilmente la zona dove posare il pennello. Per le pelli chiare è meglio utilizzare i toni dai rosati fino all’albicocca; per le pelli medie i toni dall’albicocca al pesca; per le pelli scure e abbronzate i toni dal pesca fino al corallo. Per creare invece l’effetto “sculpting”, ossia delle ombreggiature, sono più indicati i marroni.
  3. Capitolo mascara: il grande alleato dello sguardo. Come applicarlo? Iniziamo mettendo l’applicatore vicino alla base delle ciglia, e poi andiamo a chiudere l’occhio e a fare un movimento a “zig zag” risalendo lungo tutta la lunghezza delle ciglia. Questo fa sì che il mascara sia distribuito perfettamente in maniera uniforme. Se l’applicatore non è troppo grande, potete utilizzare la punta per separare le ciglia, o applicare più mascara nella coda. Iniziando invece dalla parte centrale e facendo con l’applicatore un movimento verticale, andremo ad aprire lo sguardo. Quindi a rendere l’occhio più grande. Se vogliamo allungare la coda dell’occhio, applichiamo il mascara nella coda e tiriamo le ciglia verso l’esterno. Nel caso ci si macchi? Basta aspettare che la formula si asciughi perfettamente sulla pelle e utilizzare un cotton fioc asciutto e rimuovere la macchia.
  4. Per migliorare lo sguardo, è importante sistemare anche le sopracciglia. Si tratta di un passaggio più complicato degli altri, che richiede una dose in più di attenzione, ma una volta imparato i risultati sono assicurati. Bisogna utilizzare una matita per sopracciglia una tonalità di colore che sia un grado più chiara rispetto al colore delle proprie sopracciglia. Partendo dalla sezione vicina all’occhio, bisogna seguire il ritmo del pelo disegnando tratti leggeri. Dalla testa si prosegue lungo tutto il corpo del sopracciglio. La coda va riempita estendendo sempre il colore su tutta la lunghezza del sopracciglio. Infine, con lo spazzolino della matita si spazzolano le sopracciglia, per un effetto uniforme e naturale.
  5. Che make up sarebbe senza un gloss o un rossetto? Chi preferisce semplicemente un tocco di colore e dare lucentezza alle labbra è meglio che opti per un gloss, del colore preferito (sul mercato ne esistono davvero per tutti i gusti). Per applicarlo nel migliore dei modi si contornano le labbra con una matita color carne, per dare un minimo di volume, delineando appena fuori il bordo naturale; si sfuma un po’ di correttore nella zona a “m”, nella parte superiore del labbro, con un pennellino o un bastoncino di cotone, verso l’attaccatura del naso. Quindi si mette il gloss, soprattutto al centro, ottenendo una forma armoniosa e voluminosa.