Si tratta di malattie infettive molto contagiose: sono le esantematiche, caratterizzate dalla comparsa di una eruzione cutanea di tipo maculoso (macchie rosse sulla pelle), papuloso (in rilievo e tondeggianti) oppure vescicoloso. In genere, non comportano alcun rischio particolare, ma bisogna prestare particolare attenzione nel caso in cui siano contratte in gravidanza. Oltre a rush cutaneo, il bambino può presentare tosse, mal di gola e febbre. Ecco l’elenco completo dei sintomi che si associano generalmente alle malattie esantematiche dell’infanzia e le diverse forme che possono assumere le macchie.

Morbillo. Piccole macchie bianche all’interno delle guance nell’arco di 3-4 giorni assumono la tipica forma dell’eruzione cutanea: appaiono macchie rosse, leggermente in rilievo.

Varicella. Nella varicella le macchioline rosse si trasformano in piccole vesciche.

Rosolia. In questo caso, sulla pelle compaiono poche macchioline rosa pallido.

Parotite. Comunemente si parla di orecchioni: non a caso i padiglioni auricolari sembrano più grandi del normale.

Scarlattina. Chi contrae questa malattia presenta la cosiddetta “maschera scarlatinosa”: tutto il viso è di un colore rosso acceso, salvo naso, bocca e mento che hanno un colore pallido.

Pertosse. Questa malattia infettiva che colpisce l’apparato respiratorio è conosciuta anche come tosse convulsa.

Quinta malattia. Si manifesta con fastidiose macchie rosse che prudono molto, ma non è anticipata da alcun tipo di disturbo.

Sesta malattia. Dopo un rialzo febbrile improvviso, compaiono puntini rosa di colore molto pallido.

Galleria di immagini: Cucina moderna ispirata al Lego

photo credit: higlu via photopin cc