Per le mamme in carriera, trovare il lavoro ideale può essere una sfida molto dura. La società odierna, nonostante le numerose conquiste, rende sempre più difficile per le donne tornare a lavorare dopo aver dato alla luce un figlio.

Contratti precari, asili congestionati e cari, nonni lontani dalla pensione: per le mamme è una missione quasi impossibile poter conservare il proprio posto di lavoro. Oggi sembra un lusso conciliare professione e famiglia e molte sono costrette a dover rinunciare al proprio mestiere. Ma esiste un lavoro ideale per una mamma?

In teoria sì. Per chi è costretta a dividersi tra lavoro e famiglia senza supporti di alcun tipo, esistono mestieri flessibili o con orari di lavoro ridotti che permettono una migliore organizzazione della giornata. Ideale sarebbe poter continuare a svolgere il proprio mestiere in telelavoro, ma spesso ciò non basta: si va incontro a un licenziamento o allo scadere del contratto e allora le mamme lavoratrici sono costrette a reinventarsi un mestiere o a mettersi in proprio.

Ad esempio, tutti i mestieri freelance permettono di poter lavorare da casa e di poter badare ai propri bambini. Freelancer può essere chiunque: giornalista, grafica, traduttrice. L’orario è flessibile – lo si decide autonomamente senza imposizioni dall’alto, a parte la data di consegna del lavoro – e ci si può dedicare in maniera più distesa a casa e figli.

Tutti i mestieri che si svolgono su appuntamento permettono soluzioni altrettanto convenienti: parrucchiera, fisioterapista, sarta, psicologa, personal trainer, nutrizionista sono professioni che possono essere svolte a casa propria e decidendo di volta in volta l’orario, senza nessun cartellino da timbrare.

Se si è una professionista – come avvocato o commercialista – è possibile continuare a lavorare e, al contempo, fare le mamme. Certo, meglio mettersi in proprio se si è partorito, in questo modo si potrà gestire lo studio senza dover dipendere da qualcuno o avere orari imposti dall’alto. La stessa cosa può valere anche se si è ragionieri o semplici contabili: la contabilità di un’azienda può essere fatta per proprio conto anche da casa.

Poter lavorare nel commercio e nell’ambito delle vendite dirette o per corrispondenza può essere un buon modo per contribuire all’economia della famiglia e, allo stesso tempo, badare ai figli. Essere padrone di un esercizio commerciale ha i suoi indubbi vantaggi. Tuttavia, oggi, la tecnologia mette a disposizione canali di vendita e guadagno molto più semplici da esplorare: aprire un negozio on-line può essere, per le mamme, la soluzione giusta. Per tutte le pasticcere, invece, è possibile stringere accordi con bar e ristoranti, fare dolci a casa e poi consegnarli all’interessato.

Infine, uno dei mestieri che più vanno a braccetto con l’organizzazione familiare è quello dell’insegnante: gli orari scolastici sono flessibili e non occupano l’intera giornata e coincidono con quelli in cui i propri figli sono a scuola, soluzione ideale per mettere d’accordo voglia di carriera e voglia di famiglia.

Fonte: Divine Caroline