Svegliarsi all’alba, preparare la colazione, tirare giù dal letto i bambini, vestirli, infilarsi nel traffico cittadino pronte a perdere quotidianamente un tempo ormai incalcolabile e chissà quanti anni di vita a causa dello stress. Questa, più o meno, è la routine quotidiana delle mamme che vivono in città.

Per monitorare lo stile di vita e l’umore delle donne con figli che combattono ogni giorno con il caos metropolitano, il mensile Quattroruote ha realizzato un’indagine pubblicata sul numero di novembre 2011 prendendo in esame la città italiana dove traffico e smog regnano sovrani: Milano.

Pur non amando guidare l’automobile, la maggior parte delle madri che vivono nel capoluogo lombardo sono costrette a mettersi al volante a causa delle tante difficoltà che derivano dallo spostarsi con i mezzi pubblici, e che rendono praticamente impossibile muoversi a piedi.

I risultati di questo reportage arrivano dopo una giornata trascorsa fianco a fianco con le tante mamme che cercano di barcamenarsi tra lavoro, figli, scuola, spesa, pediatra e varie ed eventuali, un ricco elenco di impegni che necessiterebbe di circa 36 ore per essere completato, possibilmente senza ansia e stress.

Che cosa propongono le dirette interessate? Il servizio Pedibus, attivo in tantissimi comuni italiani di piccole dimensioni, rappresenterebbe un valido aiuto per accompagnare i bambini a scuola, ma sono in molte a sostenere che il comune meneghino dovrebbe attivare agevolazioni particolari proprio per le mamme, da inserire tra le categorie di cittadini che non possono rinunciare all’automobile.

La rete metropolitana e quella di superficie, invece, non sembrano proprio adatte alle mamme con passeggini e bimbi al seguito: solo per fare un esempio, nelle fermate più centrali della linea rossa, Duomo e San Babila, l’ascensore è inesistente, mentre i modernissimi tapis roulant che popolano la Stazione Centrale non consentono il passaggio dei passeggini.

L’unica soluzione possibile, quindi, è quella di farsi coraggio e allacciare le cinture di sicurezza, sperando di non iniziare la giornata nel peggiore dei modi. Sul sito Quattroruote.it è possibile vedere un video che illustra le disavventure delle mamme milanesi.

Fonte: Quattroruote