La tecnologia ha silenziosamente invaso la nostra vita. Computertablet e smartphone sono diventati le nostre principali forme di comunicazione e di aggiornamento.

Anche le mamme, e di conseguenza i figli, negli ultimi anni, stanno diventando sempre più tecnologici.

Secondo un’indagine condotta dal sito Nostrofiglio.it in collaborazione con Nielsen, emerge che il 68% delle mamme che hanno bambini di età compresa tra 0 e 5 anni hanno uno smartphone, e il 25% ha un tablet.

Queste mamme hi-tech passano a navigare nella rete circa tre ore e mezzo al giorno, suddivise tra la ricerca di informazioni e la presenza e la condivisione dei momenti della famiglia sui social network. Le notizie e le informazioni che vengono maggiormente ricercati sono consigli per la gestione famigliare, offerte vantaggiose e ricette.

La tecnologia però non è limitata ai genitori: le mamme amano condividere lo smartphone o il tablet con i propri figli, considerando la navigazione in internet e lo strumento stesso «un passatempo e un gioco poco ingombrante» nel 78% dei casi e «capace di avere un ruolo formativo nella crescita del bambino» per il 70% delle intervistate.

Si tratta di una tecnologia che sta entrando sempre di più a far parte della nostra vita quotidiana e che sta lentamente soppiantando anche i vecchi metodi attraverso i quali le mamme cercano informazioni, come, ad esempio, la televisione, che sta scomparendo anche nelle abitudini dei ragazzi a favore di altri tipi di schermo.