Un’indagine condotta dal centro per la fertilità ProCrea, in Svizzera, ha dimostrato che le mamme italiane sono tra le più vecchie d’Europa. Al pari dell’Italia, le mamme svizzere, mentre poco sotto le spagnole e le irlandesi.

Gli esperti spiegano che nell’ultimo ventennio l’età media, al momento del parto, è passata da 29,1 anni del 1991 ai 31,4 del 2011. In alcune regioni del Centro Italia l’età media tocca addirittura i 31,8 anni. In Europa l’età media non va oltre i 30 anni.

Non dimentichiamo che con l’aumentare dell’età media della gravidanza, aumentano anche i rischi. Non solo quello di non riuscire a concepire con facilità, perchè man mano che passano gli anni il numero di ovuli diminuisce progressivamente abbattendo le possibilità di successo, ma anche il rischio di andare incontro a malformazioni fetali e aborti spontanei (che sarebbero aumentati del 30% negli ultimi 25 anni e che, nella fascia di età 40-44 anni, sono più del doppio di quelli relativi alla fascia di età 35-39 anni).

Cesare Taccani, specialista in medicina della riproduzione di ProCrea, spiega anche che è aumentata l’età nella quale ci si rivolge per la prima volta a un centro di fecondazione assistita. Nelle donne che hanno meno di 30 anni le gravidanze si sono concluse con successo nel 50% dei trattamenti, ma la percentuale scende al 40% per le donne con 35 anni e al 25% per le donne di 40 anni.

credit image by Jack Fussell via photopin cc