Una corretta alimentazione e la pratica regolare di attività fisica migliorano le prestazioni sul lavoro, con conseguente aumento della produttività aziendale e calo dell’assenze per malattia.

=> Scopri perché lavorare in piedi aiuta a dimagrire

La Hero – un’associazione con sede nel Minnesota che punta a migliorare la salute degli impiegati delle aziende USA – in collaborazione con l’Università di Brigham e un team di medici, ha infatti calcolato che i dipendenti che seguono un’alimentazione sana durante tutto il corso dell’anno hanno il 25% di probabilità in più di avere risultati positivi sul lavoro, percentuale che riferita a coloro che mangiano elevate dosi di frutta e verdura almeno 4 volte la settimana si attesta al 20%.

=> Scopri i 10 consigli per lavorare meglio

Naturalmente a un corretto comportamento a tavola corrisponde anche una adeguata attività fisica, a tutto vantaggio delle prestazioni in ufficio: il personale che fa esercizio 3 volte alla settimana per almeno mezz’ora ha il 15% di probabilità in più di “fare faville” nella propria attività lavorativa, con ripercussioni positive sull’azienda e sul capo.

E, come detto, corretta alimentazione e ginnastica si ripercuotono positivamente sulle assenze per malattia oltre a incidere in maniera netta sulla salute complessiva. I ricercatori sono riusciti a calcolare anche questo: chi unisce attività fisica e cibo sano ha una probabilità del 27% inferiore di restare a casa indisposto rispetto a chi è obeso e non segue questi consigli, preferendo alimenti grassi e la sedentarietà sul divano di casa.

A proposito di obesità, lo studio ha mostrato anche che i lavoratori sovrappeso avevano minor produttività e maggior assenteismo anche rispetto a chi soffriva di depressione o di altre malattie croniche. Così ha affermato Jerry Noyce, amministratore delegato della Hero:

«Questo studio che indaga sulla relazione tra salute e produttività sul lavoro rafforza la strategia di fornire ai dipendenti delle aziende programmi di benessere basati su attività fisica e corretta alimentazione».

=> Scopri i migliori esercizi per attivare il metabolismo

Anche per questo, sempre più top manager aziendali hanno iniziato a definire programmi in questa direzione. Lo studio in oggetto è stato effettuato nel giro di 2 anni raccogliendo dati da 3 grandi aziende americane situate in 3 differenti zone degli Stati Uniti, per un totale di 20.114 dipendenti. La ricerca è stata pubblicata in una rivista medica d’oltreatlantico.

Fonte: Yahoo News