Autorevoli studi testimoniano che sono gli ormoni femminili a scatenare lo shopping compulsivo. Quest’ultimo è una vera e propria patologia che si traduce nella continua ed eccessiva corsa all’acquisto di oggetti come scarpe, borse e abiti, a volte anche al di sopra delle proprie capacità economiche.

Il sondaggio, realizzato dagli psicologi dell’università dell’Hertfordshire su un campione di donne di età compresa tra i 18 e i 50 anni, ha dimostrato come esista una correlazione tra i cambiamenti ormonali mensili e la voglia di fare acquisti.

Analizzando ogni mese il modo di fare shopping di un gruppo di donne campione è stato rilevato come il picco massimo dello shopping si verifica durante i giorni della “sindrome pre-mestruale“. Inoltre, cosa ancor più interessante, succede che durante “quei giorni” di inquietudine ormonale, la spesa finale spesso si rivelo ben superiore a quello che le stesse donne avevano preventivato.

La ricerca conclude sottolineando come sia molto importante cercare individuare bene questi momenti, e riconoscerne le cause per poter, in un certo senso, limitarne i danni. Fare shopping, infatti, non è sempre gratificante, specie se fatto sotto la spinta degli ormoni, perché potrebbe risultare un gesto di cui pentirsi.

E voi che ne pensate?