Un tappeto in casa porta calore e colore. Una stanza, anche se con poco mobilio, cambia subito il suo aspetto se viene arricchita con un bel tappeto.

Ma i tappeti hanno bisogno di una manutenzione continua per evitare che diventino dei ricettacoli di sporco e batteri.

Per questo è necessario avere delle cure specifiche per questo complemento di arredo, in particolar modo se si tratta di tappeti antichi o pregiati.

In primo luogo, almeno una volta ogni anno i tappeti vanno portati da un professionista che si occuperà del loro lavaggio e della manutenzione del tessuto vero e proprio. A volte, soprattutto in base alla qualità del tappeto, i trattamenti possono anche essere un po’ costosi, ma sono necessari per farlo durare nel tempo.

La maggior parte del lavoro, comunque, lo si fa durante tutto l’anno.

Una volta alla settimana il tappeto dovrebbe essere passato con l’aspirapolvere. Regolate l’elettrodomestico alla minima potenza e passate con decisione il tappeto, rispettando il senso delle fibre: non fate movimenti circolari ma soltanto dall’alto in basso.

Una volta al mese, poi, l’aspirapolvere va passata anche sul retro.

Usate prodotti specifici in caso di macchie, ma evitate di insistere se non ottenete il risultato sperato, in queste situazioni è meglio rivolgersi ad un professionista.