Il marchio Louis Vuitton celebra l’estro del designer americano Marc Jacobs, direttore creativo della casa francese dal 1997: a quasi 15 anni dal suo ingresso nella prestigiosa griffe, la Triennale di Milano inaugura la mostra “Louis Vuitton: The art of Fashion“, aperta al pubblico fino al 9 ottobre.

Galleria di immagini: Vuitton Jacobs Triennale

Marc Jacobs ha saputo rinnovare l’immagine e lo stile Louis Vuitton rendendolo nuovamente contemporaneo e protagonista del pret-à-porter, riuscendo a coniugare l’adattamento alle dinamiche dei nuovi tempi con la tradizione del marchio, da sempre legato soprattutto agli accessori, borse e valigie vergate con il celebre monogramma. Il successo di Jacobs deriva dalla sua abilità nel far rinascere un marchio dal passato così autoritario, portandolo a rappresentare un’icona di stile anche per le nuove generazioni.

La mostra celebra questo successo proponendo 30 look, creati assemblando gli elementi più rappresentativi delle precedenti collezioni: pezzi che vanno dall’autunno-inverno 1998-99 alla recente passerella fetish fall-winter 2011-12, con la cellulite di {#Kate Moss} protagonista della scena e del conseguente gossip.

Una vera autorità nella moda anche la curatrice della mostra l’inglese Katie Grand, giornalista, Fashion Director di The Face e Direttore del semestrale LOVE; non sorprende quindi che l’esposizione abbia un’impronta innovativa, con abiti e accessori scelti da collezioni diverse e accostati in un mix che celebra sia il melting pot della moda, che riprende elementi diversi nel corso degli anni, sia la creatività di Jacobs ritratta secondo una prospettiva diversa.

I look vengono presentati su manichini contrari alla solita immagine asettica da vetrina: teste che diventano bauletti, i famosi Speedy immagine sacra di Louis Vuitton nel mondo, e corpi ricoperti da graffiti con toni vivaci, realizzati dall’artista Stephen Sprouse, amico dello stilista. A completare l’allestimento i video delle passate sfilate in cui è possibile riconoscere i pezzi presentati e capire meglio l’intera esposizione.

Fonte: l’Espresso