{#Marley} è il primo documentario autorizzato dalla famiglia dell’icona della musica reggae Bob Marley, diretto dal regista scozzese Kevin Macdonald, già vincitore del premio Oscar nel 2000 con Un Giorno a Settembre il doc dedicato ai sanguinosi fatti delle Olimpiadi di Monaco di Baviera del 1972, e L’Ultimo Re di Scozia datato 2006. Un ritratto appassionato di {#Bob Marley} che tocca i cinema in un’unica data, quella di oggi, distribuito da Lucky Red, per poi approdare sugli scaffali dei negozi sotto forma di DVD con i suoi 142 minuti composti da filmati sulla vita dell’artista, interviste alle persone che si sono alternate lungo il suo percorso di vita, fino ai brani più importanti e significativi della sua corposa produzione.

Galleria di immagini: Marley

Dall’infanzia dura e sofferta tra le strade di Nine Mile fino alla morte, avvenuta nel 1981 alla giovane età di 36 anni a causa di un melanoma maligno mai curato per rimanere fedele al suo credo religioso, il Rastafarianesimo, dottrina che l’ha accompagnato durante tutto il suo percorso, Marley ripercorre le tappe più importanti del cantante che ha saputo raccogliere ed esprimere la voce del suo popolo. Nata dal sentimento di pace e dalla necessità di riscatto sociale, fil rouge che lega invisibilmente le canzoni che ancora riecheggiano nelle radio di mezzo mondo, è nella sua gente che Bob Marley vive ancora, o meglio, non è mai andato via; dai collaboratori più stretti alla famiglia, fino alle figure che canticchiano spensieratamente le sue note, è facilmente percepibile il sentimento di pace e riscatto sociale che ancora unisce i suoi seguaci sotto un’unica bandiera: quella con il suo volto sui colori della sua nazione, la Giamaica.

Una natura eclettica, carismatica, plasmata sugli eventi che hanno contribuito a formare il carattere e lo spirito di quel bambino che, poco ben accetto per la sua natura mulatta, seppe risalire la china fino a toccare i livelli di vera e propria icona sacrale. Da Trench Town e dai primi esili successi, passando ai Wailers fino alla consacrazione nell’olimpo della musica mondiale attraverso le relazioni amorose che l’hanno reso padre per ben undici volte, figli nati da sette donne con cui ha condiviso la propria vita, Macdonald si tuffa in un crogiolo di suoni e colori con i piedi ben saldi nel terreno.

Ben lontano dall’agiografia e ricco di piccoli momenti di quotidianità, Marley prende la forma del ritratto lucido e vivace di quella che è stata, e che sarà nella memoria dei suoi seguaci, la storia di uno degli esponenti maggiormente riconosciuti della storia della musica. Sulle note dei suoi più grandi successi si snoda il lavoro documentaristico di Macdonald, coinvolgendo tutti i sensi in un viaggio alternativo, fuori dalle strade battute, proprio come la vita di Bob Marley.